Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la più importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un 55enne in aula per truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche

TRUFFA SULLE ROTTAMAZIONI: SOTTO ACCUSA UN CONCESSIONARIO

Avrebbe retrodatato i contratti di vendita di scooter e motocicli



TREVISO
– (gp) Falsificava i contratti di vendita, retrodatandoli, di scooter e motocicli, per continuare a percepire gli incentivi statali sulla rottamazione. Questa l'accusa che ha fatto finire a processo il legale rappresentante (all'epoca dei fatti) della “Due Ruote Center srl” di viale IV Novembre, un 50enne montebellunese residente a Cortina d'Ampezzo.

L'uomo è chiamato a rispondere del reato di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. In aula è stata citata come responsabile civile anche la società. Secondo l'accusa il 55enne, difeso dagli avvocati Alessandro Spreafico e Michela Nasato, retrodatando i contratti a periodi anteriori al 31 dicembre 2009 (giorno in cui scadevano gli incentivi”, si sarebbe garantito un credito d'imposta non dovuto di 19 mila euro. Denaro che apparteneva al Ministero delle Finanze che a processo risulta infatti come parte offesa.

In aula sono sfilati uno a uno i diversi clienti che tra il gennaio 2010 e il marzo 2010 hanno acquistato scooter e motocicli alla “Due Ruote Center srl” e tutti hanno raccontato di aver stipulato il contratto, versando l'anticipo, dopo il 31 dicembre 2009, non avendo quindi diritto all'incentivo statale per la rottamazione che è stato comunque erogato, secondo l'accusa, proprio grazie ai documenti contraffatti dal venditore.