Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ora prepara un'azione di risarcimento: "Danno ingente, col telefono ci lavoro"

DISDICE L'ABBONAMENTO, LA COMPAGNIA LE BLOCCA I TELEFONI

Imprenditrice aveva chiesto la risoluzione per mancanza di campo


TREVISO - Disdice l'abbonamento, la compagnia telefonica non le sblocca il cellulare. Arriva dalla Marca l'ennesimo caso di un disservizio nella telefonia, ai danni dei consumatori. Da dieci giorni un'imprenditrice trevigiana non può effettuare o ricevere chiamate, controllare mail e dati, insomma utilizzare in alcun modo i suoi due smartphone. Cosa è successo? La signora, notando come in diverse zone di molti comuni della Marca, non ci fosse alcun segnale, insoddisfatta del servizio, decide di chiedere la risoluzione per inadempimento del suo contratto telefonico con la Vodafone e passa ad un altro operatore. Per tutta risposta, l'azienda disabilita l'i-Phone fornito in dotazione con la sottoscrizione dell'abbonamento e che l'utente aveva ormai già pagato per tre quarti, con il versamento delle quote mensili. Contattata da una società di recupero crediti, delegata dalla compagnia, una decinda di giorni fa la signora concorda di pagare l'arretrato: ma neppure questo serve a rimettere in funzione il telefono. Non solo, Vodafone non riattiva nuppere un precedente modello, conservato dall'imprenditrice, nonostante questo apparecchio sia stata saldato da tempo e L'avvocato Alessandro Canaldunque sia tutti gli effetti di sua piena proprietà. Da metà dicembre, dunque, la trevigiana si trova con due telefoni muti e, di fatto, inservibili.
Un disservizio che le sta procurando notevolissimi disagi e almeno diecimila euro di danni, considerando che la donna utilizza lo smartphone per lavoro, come spiega l'avvocato Alessandro Canal, che l'assiste. Tanto che ora sta valutando un'azione di risarcimento: "Nonostante la responsanbilità di inadempimento contrattuale - conferma l'avvocato Canal -, la Vodafone Omnitel si è permessa di causare un grossissimo danno alla mia assistita. Un danno che dovrà essere risarcito, perchè a tutt'oggi la signora è impossibilitata ad usare il telefono. Con tutti i risvolti che ciò comporta, non solo da un punto di vista professionale, ma anche personale, basti pensare se dovesse trovarsi in una situazione di emergenza".