Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Revocato il sequestro preventivo di circa 40 mila bottiglie di vino bianco spumante

BATTAGLIA SUI MARCHI: IL RIESAME DÀ RAGIONE A CA' DI RAJO

Pre la difesa le doglianze della Bottega spa erano prive di fondamento


TREVISO - Bottiglie colorate: il Tribunale del Riesame di Treviso ha accolto i ricorsi proposti dalle aziende vinicole Ca’ Di Rajo e Terre di Rai di San Polo di Piave. "I giudici - scrive Ca' Di Rajo in una nota - hanno infatti riconosciuto prive di fondamento le doglianze della querelante Bottega Spa che lamentava la violazione dei propri diritti di privativa sui marchi tridimensionali comunitari registrati per contraddistinguere bottiglie di vino, e in particolare sull’utilizzo di confezioni di colore oro e rosa. Il Tribunale del Riesame ha così revocato il provvedimento con il quale il gip aveva convalidato il sequestro preventivo di urgenza, ordinando, per l’ effetto, la restituzione di tutte le bottiglie, circa 40.000, di vino bianco spumante per le quali era stata disposta la misura preventiva, all’esito di denuncia querela sporta dalla Bottega S.p.A".
"Il Tribunale di Riesame ha accertato che la Cà di Rajo, società della famiglia Cecchetto, assistita dagli avvocati Maurizio Borghese e Paola Turri - prosegue la nota - già produceva e commercializzava bottiglie di vino colorate in epoca precedente il deposito dei marchi da parte di Bottega, ritenendo che la forma delle bottiglie sia da sempre usuale nel mercato specifico e che quindi né la forma di cui ai marchi tridimensionali né la colorazione delle bottiglie (oro, argento o rosa) abbiano capacità distintiva e idoneità ad indicare la origine e provenienza dei prodotti commercializzati. Tanto pure in considerazione del contemporaneo uso di bottiglie colorate, da parte di vari operatori del settore  che contraddistinguono i prodotti con le rispettive diverse etichettature.
Il signor Bortolo Cecchetto, per la Ca’ di Rajo, ha espresso soddisfazione per il risultato conseguito, cui hanno contribuito i consulenti in proprietà industriale della GLP, nella consapevolezza di avere sempre operato nel rispetto della leale concorrenza ma, nello stesso tempo, considerati i danni anche di immagine, personali e societari subiti, ha dichiarato di voler tutelare i propri diritti".


Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
19/11/2014 - Packaging copiato a Bottega Gold: sigilli a 40 mila bottiglie