Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Muraro: "Episodio triste, il governo alimenta la guerra tra poveri"

SCRITTE IN PROVINCIA: "ORA FARETE LA FILA ANCHE VOI"

Atto valdalico sul muro della portineria del Sant'Artemio


TREVISO - Una scritta è stata tracciata con lo spray sul muro della portineria della sede all'amministrazione provinciale, al Sant'Artemio. “Se non c'è lavoro, collocamento inutile. Farete anche voi le file che facciamo noi”. Se la mano che l'ha vergata resta per ora ignota, chiaro il riferimento alla prossima abolizione della Provincia e dei suoi servizi per l'impiego e anche alle recenti proteste dei dipendenti dell'ente per l'incertezza sul proprio futuro. Mobilitazione, però, che ha suscitato le critiche di lavoratori di altri settori, con accuse di tutele privileggiate per agli addetti del pubblico.
Il presidente della Provincia, Leonardo Muraro condanna l'atto vandalico, ma chiama in causa la politica nazionale: “Si tratta di un episodio triste, frutto del clima di "guerra tra poveri" che questo Governo ha creato dopo anni di campagne denigratorie contro i servizi pubblici e in particolare delle Province, diventate come ben sappiamo la panacea di tutti i mali di uno Stato che invece continua a fare danni e a vessare i cittadini”. Secondo Muraro sono proprio i provvedimenti dell'esecutivo, dalla Legge Delrio, alla Legge di Stabilità, al Jobs Act, ad alimentare un clima di tensione sociale che poi, sottolinea il numero uno dell'amministrazione provinciale, “sfocia anche in queste manifestazioni di frustrazione. L'unico risultato allora è una triste 'guerra' tra lavoratori pubblici e privati e la cancellazione di servizi essenziali per gli utenti". Muraro ricorda l'attività e risultati ottenuti dal Centro per l'impiego provinciale, a cui in media si rivolgono centomila utenti all'anno. "Ai dipendenti del centro va la mia solidarietà, specie oggi che, in virtù della riforma, nove collaboratori sono a casa perchè siamo impossibilitati a rinnovare i loro contratti – ribadisce il presidente -. È bene invece che Renzi si metta la mano sulla coscienza, non soltanto per bloccare frettolose leggi ad personam, ma anche e soprattutto per preservare i servizi per i lavoratori che rischiano di essere cancellati dopo anni di eccellenza".