Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

AUDIO L'interpretazione del fal˛ del professor Emanuele Bell˛

PRONOSTEGO DEL PANEVIN: "FUMO A REB╚L MA FALIVE A GARB╠N"

SarÓ ancora un anno interlocutorio ma sotto il segno dell'ottimismo


TREVISO - Grande partecipazione di pubblico nei tanti panevin accesi nella notte dell'Epifania nella Marca trevigiana. E dato il freddo in tanti si sono stretti attorno al fuoco sorseggiando un vin brulè e addentato una fetta di Pinza, e molti i dolciumi distribuiti nelle calze per i più piccoli. C'era grande attesa però anche per il tradizionale "pronostego" segnato dal fumo e dalla faville che si alzano dalla catasta. E l'interpretazione l'abbiamo affidata al professor Emanuele Bellò, esperto studioso della cultura tradizionale trevigiana, che ha assistito al falò presso le Ca' Mate a Casier. "Il fumo era a rebèl, aveva un senso vorticoso e questo è presagio di un anno positivo, ma le faville sono invece andate a Garbìn, ovvero verso il libeccio (sud/sud-est) e questo è sintomo di un trand ancora altalenante. In sostanza il 2015 pronosticato dai panevin, un po' di tutta la provincia è il medesimo: non bene, ne male, con segnali di ripresa - conclude il professor Emanuele Bellò - anno interlocutorio... un po' come adesso, siamo in crisi ma c'è qualche segnale di ottimismo."


Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
05/01/2015 - Ecco la notte dei Panevin: la Marca si accende di fal˛