Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'origine dalla canna fumaria: pompieri al lavoro fino all'alba

TETTO DISTRUTTO, INCENDIO NELLA NOTTE A CASTELFRANCO

Il rogo si è sviluppato poco dopo mezzanotte in un'ex casa colonica


CASTELFRANCO VENETO - Nella notte dei panevin, anche un falò tutt'altro che benaugurante. Poco dopo mezzanotte un incendio si è sviluppato in una casa colonica di Castelfranco: il rogo si è sviluppato, in particolare, in uno dei tre appartamenti dell'immobile a due piani, parzialmente ristrutturato e situato in via Bella Venezia 18.
Secondo la prima ricostruzione, l'innesco decisivo, come spesso avviene, si è originato dalla canna fumaria, surriscaldata e forse non isolata a dovere, e hanno presto invaso il tetto del fabbricato. Il rapido intervento dei Vigili del fuoco – scattato l'allarme, sul posto si sono precipitate cinque squadre dal capoluogo castellano, Montebelluna, Asolo e Treviso - e cinque ore di lavoro continuato da parte dei pompieri hanno consentito, però, di isolare la porzione interessata dalle fiamme, salvando in resto della copertura e limitando i danni. Ciò nonostante, la struttura per ragioni di sicurezza è stato dichiarata inagibile. Non risultano feriti.