Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Bilancio della polstrada, tra le cause l'alta velocitÓ, cinture e l'uso degli smartphone

TRAGEDIE DELLA STRADA: SONO STATE 37 LE VITTIME NEL 2014

Nel 2013 furono 26, diminuiscono per˛ gli incidenti (-15%) e i feriti


Il comandante della polizia stradale, Alessandro De RuosiTREVISO - (NC) Alta velocità, mancato uso delle cinture di sicurezza e uso scorretto di cellulari o smartphone alla guida: sono queste le principali cause degli incidenti stradali che hanno visto protagonisti gli automobilisti trevigiani nel corso dello scorso anno. Nel 2014 sono state 37 le vittime in 36 incidenti mortali mentre l'anno precedente erano stati 26: una chiara inversione di un trend che aveva visto una netta e continua diminuzione negli ultimi anni. Questi i principali dati del bilancio della polizia stradale per quanto riguarda il 2014. Complessivamente sono diminuiti gli incidenti, 1.107 lo scorso anno con un calo del 15% rispetto al 2013, i feriti, scesi da 1.412 a 1.158 ma sono aumentati i ritiri di patente, 836 nell'arco dello scorso anno, i punti decurtati (25mila) ma soprattutto le violazioni per "velocità pericolosa": questo dato si è attestato a quota 937 con un significativo +46% rispetto al 2013.

Il pigiare forte sull'acceleratore è la principale causa degli incidenti stradali ma tra le cause spiccano anche il mancato uso delle cinture di sicurezza (+25% di sanzioni nel 2014) ma soprattutto l'uso di cellulari e smartphone alla guida. Sono state 659 le persone multate nel corso dello scorso anno per questa violazione, il 35% in più rispetto ai dodici mesi precedenti: la multa per i trasgressori ammonta a 180 euro con la decurtazione di 5 punti dalla patente. Restano stabili, a quota 440, le violazioni per guida in stato di ebrezza con un aumento del 50%, da 15 a 30, di automobilisti pizzicati sotto effetto di sostanze stupefacenti.

Nell'ambito del trasporto merci sono state complessivamente 1340 le multe (+34%) inflitte agli autotrasportatori; tra questi 32 sono stati puniti per aver manomesso il cronotachigrafo, lo strumento che misura i tempi di guida dei mezzi. Sono quasi raddoppiate, da 35 a 64, le sanzioni per quanto riguarda il trasporto pubblico ed in particolare il trasporto passeggeri: si tratta soprattutto di violazioni a livello burocratico per mancate autorizzazioni fornite dagli enti locali alle aziende di trasporto pubblico e privato.

Con riferimento alle attività di Polizia Giudiziaria, sono state complessivamente 11 le persone tratte in arresto e 332 quelle denunciate in stato di libertà per reati di specifica competenza della Polizia Stradale. In particolare sono state effettuate le operazioni “DJ” e “CLASSIC SCOOTERS”, la prima relativa ad una associazione per delinquere finalizzata al riciclaggio internazionale di veicoli di lusso che ha visto l’esecuzione di ordinanze di custodia cautelare in carcere per 6 persone tra Treviso e altre città italiane, in cooperazione Giudiziaria internazionale con le Autorità svizzere che, nell’ambito dello stesso filone d’indagine, hanno tratto in arresto in Svizzera altre 8 persone italiane e straniere; la seconda relativa alla falsificazione di documentazione necessaria per l’immatricolazione di veicoli d’epoca del tipo “vespa” e “lambretta” che ha visto il sequestro di 34 pratiche false relative a tali veicoli (il maggior sequestro italiano di pratiche false in unica soluzione relativo a questo settore).

Con riferimento alla delicata ed importantissima tematica della Sicurezza Stradale, anche nell’ambito del noto progetto ICARO rivolto agli studenti, sono stati effettuati oltre 20 eventi di formazione dedicati alle scuole della provincia di Treviso con la partecipazione di oltre 1.000 studenti di varie classi.