Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Carbonera, l'inaugurazione sabato 10 gennaio. In concerto i Chaos

LE RADICI DI CRISTINA ACQUISTUCCI IN MOSTRA AL TEATRO CAPOVOLTO

L'intervista alla pittrice, scenografa e restauratrice trevigiana


CARBONERA - (ag) Da simbolo di legami e appartenenza, a immagine di costrizione. Le Radici acquisiscono una duplice valenza nella pittura di Cristina Acquistucci, la cui mostra inaugura sabato 10 gennaio, alle 21.00, negli spazi del Teatro Capovolto di Carbonera, in una serata arricchita dalle improvvisazioni jazz dei Chaos.
A Buongiorno Veneto Uno è intervenuta la la pittrice, scenografa e restauratrice trevigiana per spiegare il significato della sua ricerca artistica, che scava nella simbologia delle radici “Oltre a significare un attaccamento ancestrale alla vita, elemento biologico che trasporta linfa vitale, le radici rappresentano per me le costrizioni e i condizionamenti che imprigionano e soffocano. Diventano significanti e significati in una dicotomia in cui convivono allo stesso tempo l'origine vitale, l'evoluzione e perfezione della natura e una forza costrittiva e distruttiva, una fissità strutturata.”
Oltre alle radici, il tema che ricorre nelle opere di Cristina Acquistucci è il femminino, anch'esso rivelatore di una duplice condizione: “a tratti fragile, violato, rassegnato, a tratti consapevole, fiero e battagliero”. “La mia è una denuncia verso una società che ci stritola e ci rende schiavi di clichè. In fondo rappresento l'essere umano nella sua essenza. E l'essenza che preferisco è quella femminile.”
La mostra, stabile per due mesi, ospiterà una decina di opere dell'artista, tra cui due nuovi lavori: “Yourself” e “Miles Away”.


La “colonna sonora” della serata di sabato 10 gennaio sarà affidata alle improvvisazioni elettro-acustiche dei Chaos, formazione composta da Andrea Battaglion (chitarra elettrica, e-bow, oggetti, effetti, loop), Gabriele Bruzzolo (percussioni acustiche e campionate, elettronica, oggetti, effetti, loop), Paolo Lazazzara (percussioni e fiati etnici), Michele Palmieri (chitarra elettrica, basso a 5 corde, effetti), Joachim Thomas (tastiere, laptop, elettronica, effetti).

Per info: www.teatrocapovolto.org