Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Corte d'Appello di Venezia aumenta la condanna a sei anni del primo grado

ABUSI SULLA FIGLIA E BOTTE ALLA MOGLIE: SEI ANNI E DIECI MESI

Sotto accusa per violenza sessuale un imprenditore edile di 50 anni



VENEZIA
– (gp) Sei anni e dieci mesi di reclusione e 15 mila euro di provvisionale da versare alle parti civili. Questa la sentenza di condanna pronunciata dai giudici della Corte d'Appello di Venezia nei confronti di un imprenditore edile 50enne, di origine serba ma da anni residente e operante nel trevigiano, finito alla sbarra per rispondere dei reati di violenza sessuale sulla figlia minorenne dell'ex moglie, maltrattamenti in famiglia e detenzione illegale di armi.

Il procuratore generale Bruno Bruni, che aveva impugnato la sentenza di primo grado (condanna a sei anni) così come la difesa, rappresentata dagli avvocati Andrea Zambon e Renato Alberini, aveva chiesto una pena finale di dieci anni di carcere. I giudici, accogliendo in parte le richieste dell'accusa, non hanno riconosciuto all'imputato le attenuanti generiche (riconosciute in primo grado) aumentando di dieci mesi la condanna inflitta dal tribunale di Venezia.

L'uomo si era sempre dichiarato estraneo ai fatti tanto da rifiutare qualsiasi rito alternativo per dimostrare la propria innocenza a processo. Secondo l'accusa gli episodi di violenza si sarebbero consumati nel tempo, tra il 2005 e il 2011, sia a Treviso che a Favaro Veneto, dove negli ultimi anni si era trasferita la famiglia. Già finito sotto inchiesta per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, accusa poi caduta in prescrizione, l'imprenditore avrebbe maltrattato mamma e figlia per anni per costringerle a sottostare alle sue volontà. Anche attraverso minacce non solo verbali: in fase d'indagine infatti gli inquirenti sequestrarono una pistola semiautomatica Browning calibro 6,35, detenuta illegalmente, con tanto di caricatore e 5 cartucce.

Ma l'accusa che più pesava sul 50enne era quella relativa agli abusi sulla figlia minorenne. Stando alle contestazioni della Procura di Venezia l'uomo, tra il 2008 e il 2010, l'avrebbe obbligata più volte a spogliarlo e masturbarlo, fino ad arrivare a costringerla a un rapporto orale. Abusi consumati sotto la minaccia di morte o di ritorsioni più pesanti sempre a livello sessuale se si fosse rifiutata. Mamma e figlia, dopo anni di soprusi, a metà del 2011 avevano deciso di dare un taglio a quel rapporto denunciando tutto alle autorità e dando via alle indagini.