Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sotto accusa un 21enne che ha raggiunto un accordo per patteggiare la pena

FURTO E SPINTONI: 20 MESI PER UNA RAPINA IMPROPRIA ALL'OVIESSE

Usufruirą della sospensione condizionale soltanto se risarcirą il danno


TREVISO – (gp) Venti mesi di reclusione, pena sospesa, condizionata al risarcimento totale del danno. Si è chiuso con un patteggiamento il processo per direttissima che vedeva imputato per rapina impropria un 21enne trevigiano arrestato sabato sera dagli uomini delle volanti della questura di Treviso dopo essersi reso protagonista di un furto all'interno dell'Oviesse di via XX Settembre. Il giovane, che secondo gli inquirenti avrebbe agito con un complice rimasto sconosciuto alle autorità, era finito in manette qualche minuto dopo il colpo. Il 21enne aveva arraffato una serie di capo d'abbigliamento, per il valore di qualche decina di euro, e aveva cercato di uscire dal negozio senza passare per le casse. Scoperto dall'addetto alla vigilanza, il giovane lo aveva spinto contro uno degli appendiabiti per riuscire a darsi alla fuga. Immediata la chiamata al 113 che, poco distante, ha trovato il 21enne. Di fronte al giudice ha ammesso di essere stato lui l'autore del furto, dicendo di non sapere perchè l'ha fatto e sostenendo di essere stato in preda ai fumi dell'alcol. Dichiarazioni che hanno permesso di contenere la pena che verrà sospesa soltanto se il danno verrà risarcito.