Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'Ulss: "Il reparto ha retto senza dover attivare piani di emergenza"

INFLUENZA E PONTI FESTIVI, ASSALTO AL PRONTO SOCCORSO DA NATALE

Dal 24 dicembre all'11 gennaio, 11% di pazienti in più


TREVISO - Il picco di influenza sommato alle varie giornate di ponte consecutive, con minori possibilità di rivolgersi al proprio medico di base, hanno determinato un super afflusso al Pronto soccorso dell'ospedale di Treviso durante le recenti festività natalizie. Tra i 24 dicembre e l'11 gennaio scorso la struttura di emergenza del Ca' Foncello ha registrato l'11% in più di accessi rispetto al medesimo periodo del 2013-2014. Il boom ha riguardato, in particolare, i pazienti in condizioni più gravi, i cosiddetti codici gialli e rossi. I primi sono stati 1.089, il 27% in più, i secondi – 152 nel complesso – sono aumentati addirittura del 65%. Circa 200 in più rispetto al Natale precedente, gli utenti classificati come bianchi, con un incremento dell'8%, mentre i codici verdi sono incrementati (più 3%).
A complicare la situazione, anche il fatto che ad ammalarsi sono stati, ovviamente, pure medici ed infermieri. Nonostante tutto, sottolineano comunque i vertici dell'ospedale e dell'Ulss 9, in testa il direttore generale Giorgio Roberti, si è riusciti a far fronte al surplus di presenze senza dover attivare i piani di emergenza previsti in simili circostanze. In solo due occuasioni, a causa dell'indisponibilità per malattia di alcuni dipendenti e il brevissimo preavviso a disposizione, non è stato possibile trovare sostituti e si è dovuto ricorrere ad una riorganizzazione del triage.
Superato il momento critico, l'allerta al Pronto soccorso trevigiano tuttavia non scende: per fine mese, infatti, gli esperti prevedono una seconda ondata di epidemia influenzale.