Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Dilaniata la parte posteriore dell'Audi A4 dove sedevano le due vittime

NELL'AUDI C'ERA SOLO IL BOTTINO DEL COLPO A SAN CIPRIANO

Ritrovati i 50mila euro, non c'è la refurtiva dei blitz a Masi e Breganze


TREVISO - Elvis Pevarello e Johnny Innocenti, il 33enne di Castelfranco ed il 34enne di Oderzo che sono sopravvissuti al tremendo schianto in cui hanno perso la vita Giancarlo Garbin e Romeo Dell'Innocenti, all'alba di martedì a Silea in via Belvedere, restano piantonati in ospedale, in stato di arresto: Pevarello al Ca' Foncello di Treviso, Innocenti a Mestre. Il primo ha riportato la frattura di una spalla, il secondo uno schiacciamento toracico: i due giostrai, difesi dall'avvocato Riccardo Benvegnù, Pevarello e Innocentisono fuori pericolo e si sono chiusi nel silenzio, in attesa di essere interrogati. Entrambi sono vivi per miracolo. In base alla ricostruzione della dinamica, effettuata dai carabinieri, Pevarello e Innocenti si sono salvati perchè si trovavano sui sedili anteriori del mezzo. Nella carambola l'Audi rs6 su cui viaggiavano, dopo aver divelto un lampione, distrutto un muro di cinta e centrato un ponticello in cemento, si sarebbe impennata, come catapultata, e girata su sè stessa, schiacciando nella ricaduta gli occupanti dei sedili posteriori. Sono morti così, sul colpo, Giancarlo Garbin, 35enne residente ad Asolo, e Romeo Dell'Innocenti, 46enne di Cervignano. Pevarello e Innocenti che si trovavano sui sedili anteriori sono finiti invece all'esterno del veicolo, rompendo il parabrezza.
Continuano intanto gli accertamenti dei carabinieri per verificare se la banda avesse o meno colpito nella stessa notte prima a Masi e poi a Breganze, come ipotizzato, prima di assaltare il bancomat di San Cipriano di Roncade. Dopo lo schianto di via Belvedere i militari hanno rinvenuto, sparpagliati sull'asfalto e nel fossato, i 50mila euro dell'ultimo colpo, quello messo a segno nella Marca: all'appello mancherebbero appena 40 euro, forse rimasti incastrati tra le lamiere. La refurtiva degli altri due assalti che la banda avrebbe messo a segno nel padovano e nel vicentino non erano in auto. Non si esclude che i malviventi possano essersi liberati del bottino prima di entrare in azione nella nostra provincia. Al vaglio degli investigatori, per fugare ogni dubbio anche le telecamere dei caselli autostradali e le celle telefoniche. Anche l'Audi su cui viaggiavano sarà sottoposta ad ulteriori accertamenti: il mezzo risulta essere stato rubato un anno fa in provincia di Treviso e sarebbe stato utilizzato, si sospetta, per decine di colpi.