Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la pi¨ importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

AUDIO - L'istituto da 12 anni a Treviso: intervista al direttore Paolo Toniolo

BANCA ETICA, UN'ALTRA FINANZA NON SPECULATIVA ╚ POSSIBILE

Investimenti trasparenti e all'economia reale, con sofferenze al 2%


TREVISO - A marzo festeggerà i 15 anni dall'apertura del primo sportello e da dodici anni è presente anche a Treviso. Nata proprio in Veneto, a Padova, da allora Banca Etica persegue il principio ispiratore di una finanza diversa da quella che ha generato la grande crisi, non speculativa, con finanziamenti all'economia reale.
Quasi 37mila soci, 17 filiali in tutta Italia, più una inaugurata di recente a Bilbao, in Spagna, circa 900 milioni di raccolta ed oltre 780 di impieghi, Banca Etica è una realtà ormai consolidata. Ma quali peculiarità la distinguono da altri istituti? Innazittutto, spiega Paolo Toniolo, direttore della filiale di Treviso, la trasparenza: “Banca Etica dice dove vanno i soldi dei risparmiatori: è l'unica a comunicare nomi dei destinatari, importo e motivazioni di tutti gli impieghi”.
Fondata per sostenere il cosiddetto “terzo settore”. cooperative, associazioni e fondazioni, cioè realtà che hanno delle finalità sociali, si sta aprendo anche ad imprese “profit”, purchè nei prodotti realizzati o nei processi messi in atto si possa riscontrare un positivo valore sociale per la collettività. Questo è il secondo pilastro. Terza caratteristica, il microcredito: “Siamo primi in Italia nell'erogato in questo ambito. Si tratta di piccoli prestiti, di poche migliaia di euro, volti a finanziare persone alla ricerca di una nuova opportunità, perchè magari non hanno avuto fortuna nella loro attività precedente. Operazioni non particolarmente remunerative, e per questo pochissimo praticate da altre banche, ma con un'elevata valenza sociale”. E proprio la ricaduta sociale è un paramentro a cui la banca guarda con attenzione: “Un'apposita ricerca commissionata ad un centro studi specializzato, ha mostrato come quasi la metà dei soggetti finanziati dalla banca in precedenza avessero subito un diniego da altri istituti – ribadisce Toniolo -. Questo significa aver comunque sostenuto il territorio, portato avanti progetti, dato lavoro”. Ma Banca Etica non è comunque un ente assistenziale, ma una vera banca: lo confermano le sofferenze, al 2%, contro una media del sistema intorno al 7%