Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il candidato alle regionali Jacopo Berti: "Non ci intimidirà con le sue querele"

M5S ATTACCA LA MORETTI: "ANDARE A LAVORARE NON È UN INSULTO"

Il un video l'esponente del Pd si scontra in un bar con un attivista


VICENZA- «Per la Moretti "andare a lavorare" è un insulto? Per il popolo veneto
è un diritto e un onore». Il candidato governatore del Veneto per il Movimento 5 Stelle, il padovano Jacopo Berti, non ha perso tempo e ha subito voluto incontrare Paolo Forza, l’uomo che martedì, in una pasticceria di Vicenza, ha incoraggiato, con toni piuttosto accesi, Alessandra Moretti ad “andare a lavorare". Forza, un attivista del Movimento, aveva contestato la presenza a Vicenza della candidata apostrofandola, per la seconda volta, con il più classico tra i motti da sempre riservati ai politici. E lei, dopo aver chiesto l’intervento della polizia locale, avrebbe scelto di querelarlo. Jacopo Berti ha quindi voluto incontrarlo, per non fargli mancare la sua solidarietà. «Oggi ho incontrato il nostro attivista che, per aver chiesto alla Moretti cosa stesse facendo a Vicenza mentre al Parlamento europeo erano in corso votazioni importanti, è stato querelato - spiega Berti - Ho voluto esprimergli tutta la mia solidarietà e ricordargli che Alessandra Moretti non ci intimidirà con le sue querele. Non metterà il bavaglio ai cittadini né a me». Così si sono incontrati a Padova e hanno scambiato qualche chiacchiera. «La trasparenza e la rendicontazione delle attività dei politici che vengono pagati coi nostri soldi sono princìpi ai quali non rinunciamo - conclude Berti - Non abbiamo bisogno di insultare nessuno, i rappresentanti dei partiti si insultano già da soli: basta chiedere loro cosa fanno. E il Movimento 5 Stelle, in Parlamento ma anche Regione, continuerà a chiedere tutti i giorni a questi signori cosa stanno facendo con i nostri soldi».