Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sonora condanna per un 25enne castellano: verserą anche 15 mila euro alla vittima

PICCHIA LA EX E LA CHIUDE A CHIAVE IN CASA: 3 ANNI E 3 MESI

In aula il racconto della ragazza: in lacrime ha ricostruito quei momenti



CASTELFRANCO VENETO
- (gp) Accecato dalla gelosia, ha preso a pugni la sua fidanzata (ormai ex), le ha distrutto il cellulare per evitarle di cercare aiuto e l'ha chiusa a chiave in camera per impedirle di scappare. Condotte che sono costate una sonora condanna a un 25enne castellano che è stato giudicato colpevole dei reati di sequestro di persona, lesioni personali, minacce, ingiurie e danneggiamento rimediando tre anni e tre mesi di reclusione. Inoltre dovrà versare 15 mila euro di provvisionale alla vittima, una ragazza di 17 anni all'epoca dei fatti, e 5 mila euro di risarcimento alla madre di lei. Entrambe si erano infatti costituite parte civile a processo con gli avvocati Giuliano Tiribilli e Gianfranco Beghin. A raccontare per filo e per segno la turbolenta relazione sentimentale, terminata il 7 settembre 2011 (giorno dell'episodio più grave che ha spinto la giovane a denunciare tutto alle autorità), è stata proprio la vittima. In aula la ragazza, che oggi ha vent'anni, ha ricostruito in lacrime quel giorno. “Mi ha chiuso a chiave in camera dicendomi che non sarei uscita da casa sua. Per paura mi sono buttata dalla finestra del primo piano e sono scappata. Lui mi ha inseguito e ha continuato a picchiarmi”. Un racconto che la difesa ha tentato di smontare, sottolineando alcune contraddizioni in cui è caduta la ragazza. I giudici, dopo una decina di minuti di camera di consiglio, non hanno avuto dubbi: la giovane riportò un trauma cranico, contusioni multiple, la frattura di un molare, vari traumi alle mani e alle ginocchia e per questo, aumentando di un mese le richieste del pm, hanno pronunciato la sentenza di condanna.