Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La nostra rubrica dedicata al mondo golfistico curata da Paolo Pilla

PILLOLE DI GOLF/76: LA PSICOLOGIA

Il grande Jack Nicklaus ne era certo: “nel golf il 90% lo fa la mente”


TREVISO - Le nostre pillole di golf questa settimana portano il nostro esperto Paolo Pilla a parlare di psicologia.
Ogni seria rivista che argomenta di Golf, ha la rubrica dello psicologo. Questa materia, che entra dappertutto, compreso ogni genere di sport, nel Golf è ancora più marcata. Jack Nicklaus, citato come “miglior giocatore del 20° secolo per gli sport individuali”, ebbe a dire: “Nel golf il 90% lo fa la mente”. Esatto o no che sia, è esperienza di tutti i golfisti che in una partita, la testa ha maggior rilievo, il più importante.
A tutti i giocatori è capitato di alternare giorni felici, esaltanti, a cupe giornate deprimenti. Sull’influenza dello stato mentale, principale responsabile delle poco felici performances nel Golf, c’è l’insorgere di pensieri e preoccupazioni riguardanti la famiglia, il lavoro, oppure lo stress di una compagnia altera, sgradevole.
Nelle realtà vissute negativamente, chi non ha provato a trovarsi di fronte quel particolare ostacolo d’acqua che ironico ci guarda, che sembra ci dica “vieni, vieni, son qui che ti aspetto”. Ci si concentra, si ripassano i fondamentali, ma poi, la palla va in acqua. Mi sono chiesto più volte cosa accade in questi frangenti di criticità. Personalmente vivo l’ansia del putt corto. Mi capita talvolta di imbucare putt lunghi, anche quattro o cinque metri, con disinvoltura, e di riceverne i complimenti. Non vado male, infatti: Curo la linea, l’ampiezza della corsa, la giusta impugnatura, la centralità della testa del bastone. Più che soddisfacente! Il putt corto, però, mi mette in crisi. Anche qui curo le stesse cose, ma il più delle volte la palla non entra, la buca par che mi sogghigni, la cosa mi disturba un bel po’, e provo un senso d’impotenza. M’impongo di non seguire la sua traiettoria, di non guardarla, ma niente da fare; quanto meno, gli occhi si girano, quasi muscolo involontario. Non sono certo uno psicologo, chiedo perdono a chi di mestiere, ma mi sia permesso azzardare una spiegazione, a fronte dell’attenzione che poniamo nell’eseguire il colpo. Il nostro cervello sembra ricevere le nozioni tecniche che, ben presenti nella nostra memoria, gli ricordiamo e vorremmo imporgli di fare, ma poi così non è, ci manda per altra strada. Sì, il cervello le ha assunte le nozioni, sono presenti; ma è in possesso anche di quanto registrato nel momento in cui gli abbiamo fatto arrivare le nostre paure, e questo prende il sopravvento. Tali situazioni vissute negativamente arrivano a farti pensare a disturbi d’ansia.
Penso che utile sia trovare la propria affermazione, non farsi mettere i piedi in testa dalla pallina, pensare positivo, nel fare il colpo esprimersi in modo libero, senza indugi. Poi, ogni volta che ci troveremo alla presenza di simile evento, che avvertiamo quell’ansia, se saremo in grado di gestirci adeguatamente, sarà l’occasione per crescere in autostima. Nel cercare la sincronizzazione, può essere strategica una mimica facciale e una propria gestualità, che in qualcuno è costante ed evidente. Golf è uno sport bellissimo, distensivo, ma se ci troviamo imbarazzati da questo disagio, rilassante non lo è più. In ogni colpo venuto male, colpevole della cattiva riuscita dello swing è soprattutto l’emotività. La frustrazione determinata dall’emozione che s’impossessa di noi con furia, magari per un colpo banale mal riuscito come appunto il non aver imbucato un putt corto, non ci consente neanche il buon gioco seguente. La scarsa autostima che ne consegue, infatti, porta a una cattiva critica di se stessi.
Ritengo utile un po’ di sano ottimismo, cancellare il trascorso negativo, concentrarsi unicamente sul colpo che si sta per fare, visualizzandolo come ben riuscito. Ogni colpo fa storia a se. Se poi la tecnica è latitante, ancor più è buona cosa sopperire con la fiducia, utile strategia per approdare a una maggior concentrazione.
Se non s’imparano a gestire i momenti di crisi, non si arriverà mai a diventare bravo giocatore, giacché, come sostiene Jack Nicklaus, alla mente vanno ascritti pregi e difetti dello swing.
 
“Il Golf non è un funerale, anche se entrambi possono essere molto tristi”. Bernard Darwin


Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
07/01/2015 - Pillole di golf/75: ultime leggende metropolitane
17/12/2014 - Pillole di golf/74: leggende sul green
10/12/2014 - Pillole di golf/73: leggende nei bunker
03/12/2014 - Pillole di golf/72: ancora leggende metropolitane
26/11/2014 - Pillole di golf/71: altre leggende metropolitane
19/11/2014 - Pillole di golf/70: Leggende metropolitane
12/11/2014 - Pillole di golf/69: i vantaggi
05/11/2014 - Pillole di golf/68: il gioco a squadre
29/10/2014 - Pillole di golf/67: le forme di gioco
22/10/2014 - Pillole di golf/66: palla ingiocabile
15/10/2014 - Pillole di golf/65: le ostruzioni
03/09/2014 - Pillole di golf/64: impedimenti sciolti
20/08/2014 - Pillole di golf/63: palla fuori limite
16/07/2014 - Pillole di golf/62: palla persa
02/07/2014 - Pillole di golf/61: palla in movimento