Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sotto accusa la proprietaria della casa di Cordignano in cui vivevano le bestiole

TRE CANI MORTI AVVELENATI: UNA REGISTRAZIONE INCASTRA L'IMPUTATA

Lei si difende: "Ero a Napoli", ma l'audio "pirata" la smentisce


CORDIGNANO – (gp) Non avevano pagato due mesi d'affitto perchè entrambi avevano perso il lavoro. Dopo sms non proprio amichevoli e squilli al citofono per saldare i debiti, si sono ritrovati i loro tre cani uccisi da delle salsicce avvelenate. Gli affittuari hanno subito puntato il dito contro la proprietaria dell'appartamento di Cordignano in cui vivevano, e ora una registrazione “pirata”, ascoltata in aula dal giudice Leonardo Bianco, incastrerebbe l'imputata. Era il 22 dicembre 2008 quando si sono verificati i fatti denunciati dalla coppia, lui 35 anni e lei 29. A trascinare di fronte al giudice la padrona di casa (e ad accusarla) è stata proprio la giovane che sostiene che quella sera, tornando a casa, avrebbe visto la proprietaria dell'appartamento, una 58enne di origini salernitane, tirare degli oggetti nel giardino dell'abitazione prima di salire in auto e andarsene. Mezz'ora dopo quell'avvistamento, i tre animali sono deceduti per avvelenamento, come accertato dall'Istituto Zooprofilattico che non è però stato in grado di stabilire con che sostanza. L'imputata per il reato contestato rischia fino a un anno e mezzo di reclusione in caso di condanna. La donna però respinge le accuse e sostiene, con tanto di testimoni, che quella sera si trovava a Napoli e che quindi, se davvero fossero stati gettati in giardino bocconi avvelenati, li avrebbe gettati un'altra persona. La registrazione però la smentirebbe: la figlia della donna avrebbe infatti affermato nel file audio che quel giorno la madre si trovava proprio a Cordignano.