Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un certificato medico fa slittare la prima udienza a carico di Sandro Calderoni

RAPINA IN BANCA: L'IMPUTATO STA MALE, IL PROCESSO SLITTA DI 6 MESI

L'uomo è accusato di essere stato il complice di Maurizio Brentan



TREVISO
– (gp) Dopo la condanna a sei anni e otto mesi di reclusione, con rito abbreviato, rimediata dal 63enne Maurizio Brentan, mantovano di origine, rimediata il 29 gennaio scorso, si è aperto il processo a carico di Sandro Calderoni, uno dei due presunti complici della rapina messa a segno il 10 giugno del 2011 a Treviso, presso la filiale della Banca popolare di Vicenza di viale Luzzatti. L'altro, il 60enne Atos Calderoni, è venuto mancare circa due anni fa quando le indagini erano ancora in corso. Il colpo, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, avrebbe fruttato un bottino di circa 15mila euro.

Maurizio Brentan all'epoca venne incastrato dall'esame del Dna: durante la rapina smarrì infatti un cerotto. Nella sua abitazione di Vicenza vennero in seguito ritrovate le armi e l'abbigliamento che vennero utilizzati per il colpo. I successivi accertamenti da parte delle forze dell'ordine, avevano collegato alla rapina anche Atos e Sandro Calderoni il quale, difeso dall'avvocato Luisa Osellame, ha sempre sostenuto la propria innocenza dicendo di non aver partecipato a quella rapina.

In aula sono stati ascoltati i primi testimoni del pm Valeria Sanzari la quale, nel corso dell'udienza, si è vista recapitare il certificato medico dell'imputato, detenuto a Padova per altra causa, con il quale veniva chiesto un rinvio per legittimo impedimento. Rinvio che i giudici hanno concesso liberando i testimoni e diffidandoli a ritornare a fine giugno quando il processo dovrà ripartire dall'inizio.