Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Avrebbe accusato gli agenti di aver manomesso un autovelox

IL COMUNE CONTRO L'AVVOCATO CAPRARO: "HA CALUNNIATO I VIGILI"

Ca' Sugana denuncia il noto legale: "Mette alla berlina la Municipale"


TREVISO - Il Comune di Treviso denuncia l'avvocato trevigiano Fabio Capraro per calunnia ai danni della Polizia locale. La giunta ha dato ufficialmente mandato all'avvocatura civica di procedere contro il legale e la querela, firmata dalla comandante della Municipale, Federica Franzoso, verrà presentata a giorni.
La ragione del contenzioso? Tutto risale ad uno ricorso contro una sanzione per eccesso di velocità, rilevato tramite gli autovelox fissi, materia nella quale Capraro è uno specialista e per la quale ha raggiunto una certa notorietà. L'avvocato trevigiano ha richiesto una perizia sul funzionamento dell'apparecchiatura, posizionata lungo la Tangenziale, eseguita il 23 giugno scorso, con un confronto con i dati di altre due postazioni della Polstrada posizionate poco distanti. Il legale ha depositato una memoria, in cui si sosteneva che i vigili urbani avrebbero manomesso il macchinario alla vigilia dell'ispezione. In buona sostanza, secondo l'accusa, gli agenti avrebbero pulito il vetro che protegge l'obiettivo allo scopo di alterare il risultato della perizia. Perciò Capraro ha chiesto al giudice di pace, titolare del caso, di trasmettere gli atti alla Procura, ipotizzando una frode processuale.
Secondo i vertici della Polizia locale, al contrario, l'operazione di pulitura rientra appieno nell'ordinaria manutenzione e viene eseguita almeno una o due volte alla settimana, ogniqualvolta gli operatori scaricano i dati dalla memoria del velox.
Per questo l'amministrazione ha deciso di procedere contro il legale e contro il perito di parte: “E' inaccettabile che si giochi con la professionalità dei nostri agenti, mettendoli alla berlina ed esponendoli all'inevitabile populismo che si genera in queste circostanze – attacca il vicesindaco Roberto Grigoletto, ribadendo la piena stima e solidarietà di tutta la giunta al corpo -. Non vorremmo che questo fosse solo un mezzo per avere un po' di visibilità, in un momento non facile anche per la professione forense”.
Il Comune, spiega Antonello Coniglione, responsabile dell'avvocatura civica, ha chiesto di eliminare dai documenti le frasi considerate offensive, ritenendo che, in questa circostanza, non si possa nemmeno applicare l'articolo 598 del Codice penale, secondo cui le parti o i loro difensori non sono punibili per le dichiarazioni, anche pesanti, rilasciate nei procedimenti giudiziari. Ca' Sugana, inoltre, in caso di rinvio a giudizio, valuterà se costituirsi parte civile per ottenere un risarcimento del danno.