Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dopo un processo di tre anni, assolta con formula piena la direttrice della struttura

ALL'OPERA PJ NESSUN BAMBINO PICCHIATO: ELDA MASI INNOCENTE

La donna era chiamata a rispondere dell'accusa di maltrattamenti



TREVISO
– (gp)
Nessun bimbo è stato mai maltrattato all'interno dell'Opera Pj. Dopo un processo durato quasi tre anni, Elda Masi, la direttrice della struttura di via Zermanese (che accoglie giovani di età compresa tra i 6 e i 15 anni, tutti provenienti da realtà familiari difficili) difesa dagli avvocati Fabio Pavone e Manuela Turcato è stata assolta con formula piena perchè il fatto non sussiste.

“Sono stati quattro anni e mezzo di purgatorio ma alla fine è venuta fuori la Verità – ha affermato Elda Masi – Mi sono sentita prigioniera e ingiustamente accusata. Sono sempre rimasta in silenzio perchè sapevo di non aver fatto nulla. Quando uno ha la coscienza tranquilla può affrontare tutto. Ricominciare sarà dura – conclude – non so da dove ripartire”.

Inizialmente indagata per il reato di abuso dei mezzi di correzione, le contestazioni mosse dalla Procura nei confronti della donna si erano aggravate nella più pesante accusa di maltrattamenti. Ma lei, come ha ribadito in aula, ha sempre sostenuto di non aver mai picchiato nessuno, di aver sempre avuto a cuore i “suoi” ragazzi e di aver sempre cercato di fare i loro interessi. E proprio per dimostrarlo ha escluso fin dall'inizio di ricorrere a qualche rito alternativo, che le avrebbe garantito lo sconto di un terzo della pena in caso di condanna, preferendo affrontare il processo.

Un dibattimento nel quale sono state sentite decine e decine di persone tra educatrici e personale amministrativo della struttura. Una ricostruzione dettagliata dei fatti, e della personalità dell'imputata, che ha fatto cadere una dopo l'altra le accuse (rivelatesi a conti fatti infamanti) e portato il giudice Marco Biagetti a pronunciare una sentenza di piena assoluzione.

Il pm Barbara Sabattini, nella sua requisitoria, ha puntato molto sul presunto clima molto rigido all'interno della struttura (che è stata dipinta anche come un “lager” quando in realtà sarebbe come una seconda casa per gli ospiti), tanto da chiedere una condanna a quattro anni di reclusione, molto vicina al massimo della pena previsto (Elda Masi rischiava infatti da un minimo di uno a un massimo di cinque anni di carcere). “Quando ho sentito la richiesta del pm sono rimasta interdetta – dichiara Elda Masi – Il giudice però ha capito come sono andate realmente le cose”.

Una certa soddisfazione è stata espressa anche dai legali della direttrice dell'Opera Pj, gli avvocati Fabio Pavone e Manuela Turcato. “L'assoluzione piena denota, al di fuori di ogni ragionevole dubbio, la completa estraneità della Masi dall'aver messo in atto le condotte ipotizzate nel capo d'imputazione – afferma l'avvocato Pavone - E' stato un processo lungo, difficile e sofferto. Io e l'avvocato Turcato siamo sempre stati convinti dell'innocenza della nostra assistita, e averlo potuto dimostrare in aula ha ridato dignità a una persona che ha speso la propria vita per occuparsi con dedizione e sensibilità al recupero di minori in difficoltà. Ci auguriamo che ora la signora Masi – conclude - possa tornare a occuparsi dei minori avendo dimostrato che i metodi educativi da lei applicati non erano improntati ai maltrattamenti ma finalizzati al recupero e al reinserimento dei minori nelle loro famiglie e nella società”.