Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

AUDIO/ L'artista veneziano spiega la Ghematrą, il valore numerico delle parole

ARTE E MATEMATICA, DALLA QABBALAH ALLE OPERE DI TOBIA RAVĄ

L'esposizione allo Spazio Open di Treviso fino al 24 gennaio


TREVISO - (ag) Arte e matematica sono comunemente considerati due ambiti distinti e inconciliabili. Fino al XIX secolo, però, non era così. E' profondo il legame che intercorre tra le due discipline e che oggi si coglie nell'arte dell'artista veneziano Tobia Ravà, in mostra in questi giorni allo Spazio Open di Treviso. Artista di origine ebraica, Ravà compone le sue opere figurative attraverso codici trascendentali che appaiono come un fitto mosaico di lettere e numeri. Alla base in realtà vi è la sequenza di Fibonacci, una successione di numeri interi positivi in cui ciascun numero è la somma dei due precedenti. Lo studio della Qabbalah intesa come percorso mistico della cultura ebraica lo porta a riscoprire la “ghematrià”, ovvero il valore numerico delle parole, e a formulare un'interpretazione conoscitiva del testo che sfocia nei suoi lavori artistici più recenti. Che cos'è la Ghematrià? Lo abbiamo chiesto a Tobia Ravà.

La mostra è visitabile fino a sabato 24 gennaio.


Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
24/11/2014 - Lo Spazio Open porta a Treviso i "Codici trascendentali" di Tobia Ravą