Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Una 38enne castellana è anche accusata di abuso dei mezzi di correzzione

COMPIE 18 ANNI E DENUNCIA LA MADRE PER MALTRATTAMENTI

"L'ho fatto per salvare mia sorella": gli incontri ora saranno "protetti"


VEDELAGO – (gp) Ha aspettato di compiere 18 anni per denunciare ai carabinieri i soprusi subiti dalle sorelle da parte della madre nel corso degli anni. Un'attesa che le è servita per poterle “salvare”. La donna, una 38enne che dopo aver perso il marito (sono divorziati) e due delle tre figlie (il tribunale le ha affidate al padre), si ritrova con una denuncia a piede libero per abuso dei mezzi di correzione e maltrattamenti in famiglia. Stando a quanto accertato dai carabinieri di Vedelago, che hanno svolto le indagini, gli episodi di violenza si sarebbero protratti per diverso tempo. In pratica a cadenza settimanale con le due figlie più grandi che per ordine del tribunale dovevano vedere la madre dopo il divorzio almeno una volta ogni sette giorni. Quando le ragazze si ritrovavano sotto lo stesso tetto con la 38enne, si sarebbero susseguiti frequenti litigi che, spesso e volentieri, avrebbero visto la donna picchiare le giovani a colpi di bastone o a cinghiate. Una situazione che la più grande delle tre ha avuto il coraggio di reggere fino alla maggiore età, per poi raccontare tutto. “Ho parlato perchè voglio salvare mia sorella” avrebbe detto agli inquirenti. Infatti, a fronte della denuncia, gli incontri settimanali dovranno tenersi soltanto in luoghi protetti.