Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/187: IN FRIULI IL CAMPIONATO ITALIANO AIGG

Assegnati i tricolori 2017 dei giornalisti


TREVISO - Chiuso con l’ultima gara di Villa d’Este il Challenge Aigg Diavolina 2017 che mi aveva visto con un bel piatto d’argento, è ora la volta del Campionato individuale, che si gioca a Fagagna, al Circolo Golf Udine. Nelle giornate precedenti il Club aveva ospitato il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Oderzo, la Sole accusata di odori nauseabondi, timori trasferimento

IN CORTEO PER DIFENDERE L'AZIENDA A PROCESSO PER LA PUZZA

Marcia di 500 lavoratori con familiari e bimbi fino in municipio


ODERZO - In corteo con figli e familiari per sostenere la permanenza della propria azienda. In mezzo migliaio, i dipendenti della Sole hanno dato vita ad una manifestazione ad Oderzo: dallo stabilimento hanno raggiunto tutti insieme il municipio del capoluogo opitergino. A differenza di altre tante altre iniziative simili viste in tutto il Veneto negli ultimi anni, qui la crisi economica c'entra poco. La Sole, specializzata nella lavorazione di componenti plastiche per automobili, moto ed elettrodomestici, 600 addetti diretti e quasi 1.500 totali, considerando l'indotto, è impresa che va bene. Da qualche tempo, però, è al centro di polemiche e proteste per odori nauseabondi, "del tutto simili a pipì di gatto", secondo l'accusa, che aleggiano nell'area dello stabilimento. I residenti della frazione di Camino in particolare hanno presentato degli esposti contro l'industria e sono stati avviati due procedimenti giudiziari, uno dei quali è giunto alla fase di dibattimento. E' stata la stessa impresa, peraltro, a chiedere che si arrivasse al processo convinta di poter dimostrare la propria estraneità alle cause del fetore: analisi dell'Arpav e di una società specializzata, sostengono dalla ditta, comprovano l'assenza di rischi per l'ambiente e per la salute dei cittadini. I lavoratori, tuttavia, temono che la vicenda giudiziaria e le conseguenti pressioni mediatiche possano indurre i vertici del gruppo industriale ad investire nelle altre dieci sedi controllate, compromettendo il futuro della fabbrica opitergina, come spiegano Antonio Bianchin, segretario della Fim Cisl ed Elio Boldo, leader della Fiom Cgil. Una delegazione di lavoratori e sindacalisti è stata anche ricevuta dal sindaco di Oderzo, Pietro Dalla Libera. Il primo cittadino ha ribadito come l'amministrazione non abbia nulla contro la Sole e come la costituzione di parte civile sia dovuta all'obbligo del Comune di difendere gli interessi della comunità. “La puzza esiste, è molto fastidiosa e va eliminata – ha sottolineato il sindaco -. Se l'azienda ritiene di non aver nulla a che fare, nel processo potrà provare la propria innocenza”.