Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Parte la contrattazione con le amministrazioni: tra i temi, anche il fisco locale

"I COMUNI SI UNISCANO": NUOVO APPELLO DEI SINDACATI

Cgi, Cisl e Uil trevigiane: "Solo così risparmi e servizi più efficienti"


TREVISO - I sindacati trevigiani rilanciano la necessità di fusioni o, almeno, di aggregazioni di servizi tra i comuni della Marca. I vertici di Cgil, Cisl e Uil sottolineano come più di un terzo della popolazione della provincia sia concentrata in dieci comuni, mentre il resto fa capo ad 85 municipi. Fatta salva l'identità locale, sostengono da tempo i confederali, mettere assieme la gestione è l'unica via per recuperare risorse e migliorare i servizi. Una recente proroga rinvia al prossimo 31 dicembre l'obbligo (inizialmente fissato a fine 2014) di unioni per i comuni fino a 5mila abitanti. Per i sindacati sarebbe un errore attendere la scadenza o peggio contare su nuovi slittamenti: “Meglio approfittare del tempo a disposizione – spiegano -. Il rischio è che, alla fine, arrivi un decreto che dall'alto impone con chi e come unirsi”. Una delle diffiicoltà maggiori, finora sollevate dai sindaci, peraltro, è legata all'incompatibilità tecnica dei sistemi informatici adottati dai vari municipi e dai costi necessari per unificare le strutture.
I processi di aggregazione nel governo amministrativo saranno uno dei temi centrali della contrattazione che le sigle sindacali, come ormai da un decennio, grazie alle rispettive organizzazioni dei pensionati, si apprestano ad intavolare con i comuni trevigiani. L'anno scorso sono state 76 le amministrazioni ad accettare un incontro e in 54 casi si è giunti a sottoscrivere un verbale condiviso. Tra le priorità in agenda anche un fisco più equo, attraverso l'adozione di aliquote progressive, esenzioni al di sotto dei 15mila euro di reddito annuo, applicazione dell'Isee anche per tariffe e servizi. Riguardo alle imposte locali, inoltre, verrà chiesto ai comuni di inviare i bollettini precompilati a casa dei contribuenti: “Non riteniamo giusto che il contribuente debba pagare anche per poter pagare le tasse”, confermano. Quanto al settore socio-sanitario verrà data enfasi all'esigenza di attuare davvero una medicina diffusa sul territorio, a fianco di quella ospedaliera, e di trasformare le case di riposo in centri di servizi.