Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Corte d'Appello rimodula la sentenza del gup Mascolo togliendo quasi 6 anni

ANZIANI RAPINATI: CONDANNE "LIMATE" IN SECONDO GRADO

Le vittime: Bruna Colusso in via Boiago e Aldo Basso a Santrovaso


VENEZIA – (gp) Dopo la stangata rimediata in primo grado, la Corte d'Appello di Venezia ha concesso uno sconto di pena a tutti e quattro gli imputati ritenuti responsabili della rapina di via Boiago a San Giuseppe del 28 agosto 2013 ai danni della 74enne Bruna Colusso e di quella del 25 agosto 2013 ai danni di Aldo Basso, 67enne ex meccanico dell'Actv residente a San Trovaso di Preganziol. Il gup Angelo Mascolo, in primo grado, aveva infatti raddoppiato le richieste del pm Gabriella Cama, titolare del fascicolo. Lo sconto maggiore lo ha ottenuto il nomade 26enne Tommaso Marinkovic (considerato il capo della banda): difeso dall'avvocato Ilaria Pempinella, è passato da 12 a 8 anni di reclusione. Il 25enne romeno Gabriel Emanuel Farcas, difeso dall'avvocato Stefano Antoniazzi, è passato dagli 8 anni del primo grado ai 7 dell'appello. Otto mesi è invece lo sconto rimediato dal nomade 29enne Branko Durdevic, difeso dall'avvocato Francesco Murgia: dai 6 anni inflitti dal tirbunale di Treviso è passato a 5 anni e 4 mesi. Risicata invece la modifica della pena per il 18enne croato Radoslav Kostic, l'unico dei quattro ad aver collaborato con la giustizia permettendo alla Squadra Mobile di arrestare i due complici che si erano dati alla latitanza. Rispetto ai 4 anni, 5 mesi e 10 giorni rimediati in primo grado è passato a 4 anni e 4 mesi. Il ricorso in appello partiva proprio da quest'ultimo, difeso dall'avvocato Alessandra Nava: secondo la difesa, proprio in virtù della collaborazione con la giustizia, la pena doveva essere rimodulata. Diversa invece la posizione degli altri imputati: Farcas, Durdevic e Marinkovic avevano basato il proprio ricorso entrando nel merito della sentenza e negando, a vario titolo, di essere gli autori dei due colpi. Ai quattro veniva inizialmente contestata anche un'altra rapina, quella ai danni di Ada Biscaro, l'84enne di Paese che si trovò faccia a faccia con i ladri il 27 agosto 2013 e che, dopo non essersi mai ripresa del tutto da quel fatto, venne a mancare nella notte tra il 28 e il 29 dicembre. Per gli inquirenti non c'erano sufficienti elementi per poter contestare loro anche questo colpo.