Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sabato il flash mob a sostegno del referendum #Fuoridalleuro

NESSUNO CERTIFICA LE FIRME: PROTESTA M5S IN PIAZZA DEI SIGNORI

"Gli amministratori comunali non vengono ai nostri banchetti"


TREVISO - Un flash mod, cioè un'iniziativa pubblica spontanea, per protestare contro l'amministrazione comunale che, secondo loro, impedisce la certificazione MoVimento, la certificazione delle firme per promuovere il referendum #FUORIDALLEURO.
Ad organizzarlo il Movimento 5 Stelle di Treviso, il 31 gennaio alle 16.30 in piazza dei Signori. Perché la firma di qualunque cittadino sia valida, la legge prescrive la presenza di una serie di determinati soggetti autorizzati a convalidarla. Tra questi sono indicati il sindaco, gli assessori ed i consiglieri eletti nel comune in cui si svolge la sottoscrizione.
"Svolgere questo compito - spiegano i rappresentanti dell'M5S - non è 'sposare' l’idea di una determinata battaglia politica, ma semplicemente compiere un dovere civico affinché ogni cittadino possa esprimere la propria opinione". Nel capoluogo della Marca, però, questo non avviene, poichè, secondo l'accusa, nessuno degli amministratori si è reso disponbile a svolgere la funzione. Proprio per segnalare il problema, dunque, il pentastellati trevigiani hanno promosso la mobilitazione nel "salotto buono" della città.