Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ponzano, "Arricchirsi con la scusa della solidarietà, risulta un fatto ripugnante"

“MANO TESA PER AIUTARE” NEL MIRINO DI CASA POUND

Esposto lo striscione: “Onlus per rubare, mano tesa a truffare”


PONZANO - Militanti di CasaPound Italia Treviso hanno affisso questa notte uno striscione di protesta al di fuori della Onlus “Mano Tesa Per Aiutare”, di Ponzano Veneto. La Onlus, gestita dai cugini Flavio e Roberto Zambon e specializzata nella raccolta di cibo destinato ai bisognosi, è stata denunciata nei giorni scorsi dai Carabinieri per appropriazione indebita e truffa ai danni dello Stato. Secondo le indagini infatti, le derrate più pregiate e quelle delle migliori marche, venivano in realtà accantonate e rivendute ai ristoranti della zona tramite una società intestata proprio ai due cugini. “Onlus per rubare, mano tesa a truffare” è il testo dello striscione esposto. “Fossero confermate le accuse – dichiara in una nota CasaPound Treviso – ci troveremmo di fronte ad un crimine odioso ed intollerabile, perpetrato da personaggi senza scrupoli. Arricchirsi con la scusa della solidarietà, risulta un fatto ripugnante, e purtroppo conferma quanto il nostro movimento denuncia oramai da tempo: ovvero che dietro a queste onlus, spesso si celano interessi opachi e arricchimenti personali che in realtà nulla hanno a che fare con la solidarietà”.