Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A processo il 54enne che investì il compagno della titolare della Cantina espanola

TENTATO OMICIDIO A POVEGLIANO: ACCUSE PIÙ GRAVI PER DALLA CIA

Il pm Laura Reale contesta all'uomo anche le lesioni a pubblico ufficiale



POVEGLIANO
– (gp) Si aggrava la posizione di Gianantonio Dalla Cia, l'agricoltore 54enne di Povegliano finito davanti al giudice con l'accusa di tentato omicidio, resistenza a pubblico ufficiale per aver scagliato il proprio fuoristrada contro la vetrata del bar Cantina Espanola di Povegliano, investendo e ferendo Elvis Hagori (10 giorni di prognosi), il fidanzato della titolare Valentina Bonan, e un passante.

Il pm Laura reale, titolare del fascicolo a carico dell'uomo, difeso dall'avvocato Carlo Isidoro Colombo, ha infatti modificato il capo d'imputazione contestando al 54enne anche il reato di lesioni a pubblico ufficiale. Motivo per cui la difesa ha chiesto un termine ottenendo il rinvio dell'udienza, che sarà celebrata con rito abbreviato di fronte al gup Bruno Casciarri a metà marzo.

Stando a quanto ricostruito dalla Procura di Treviso, il 54enne stava bevendo qualche bicchiere proprio con la parte offesa fino a che, complici l'alcol e forse il caldo, tra loro nacque un diverbio pare per alcune frasi razziste rivolte da Dalla Cia a un gruppo di albanesi che qualche sera prima gli avevano lasciato il conto da pagare. Prima sarebbe volato un pugno che ha fatto cadere Elvis a terra, poi sarebbe uscito dal locale prendendosela con l'auto del giovane. Dopo averla speronata con la sua Freelander, Dalla Cia avrebbe cercato di investirlo travolgendo anche i tavolini del bar.

Ma non basta: poi avrebbe lanciato il suo fuoristrada contro la vetrata del locale sfondandola e investendo sia Elvis (rimasto a terra privo di sensi) che un altro avventore. Un pomeriggio di follia che soltanto il sindaco Rino Manzan, chiamato dalla vicina biblioteca, riuscì a calmare facendo ragionare il 54enne fino all'arrivo dei carabinieri. Anche i militari, proprio a fronte di questa nuova contestazione, sarebbero stati presi di mira dal 54enne il quale, resistendo all'arresto, avrebbe procurato loro ferite giudicate guaribili rispettivamente in 15 e 3 giorni di prognosi.