Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la più importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A processo il 54enne che investì il compagno della titolare della Cantina espanola

TENTATO OMICIDIO A POVEGLIANO: ACCUSE PIÙ GRAVI PER DALLA CIA

Il pm Laura Reale contesta all'uomo anche le lesioni a pubblico ufficiale



POVEGLIANO
– (gp) Si aggrava la posizione di Gianantonio Dalla Cia, l'agricoltore 54enne di Povegliano finito davanti al giudice con l'accusa di tentato omicidio, resistenza a pubblico ufficiale per aver scagliato il proprio fuoristrada contro la vetrata del bar Cantina Espanola di Povegliano, investendo e ferendo Elvis Hagori (10 giorni di prognosi), il fidanzato della titolare Valentina Bonan, e un passante.

Il pm Laura reale, titolare del fascicolo a carico dell'uomo, difeso dall'avvocato Carlo Isidoro Colombo, ha infatti modificato il capo d'imputazione contestando al 54enne anche il reato di lesioni a pubblico ufficiale. Motivo per cui la difesa ha chiesto un termine ottenendo il rinvio dell'udienza, che sarà celebrata con rito abbreviato di fronte al gup Bruno Casciarri a metà marzo.

Stando a quanto ricostruito dalla Procura di Treviso, il 54enne stava bevendo qualche bicchiere proprio con la parte offesa fino a che, complici l'alcol e forse il caldo, tra loro nacque un diverbio pare per alcune frasi razziste rivolte da Dalla Cia a un gruppo di albanesi che qualche sera prima gli avevano lasciato il conto da pagare. Prima sarebbe volato un pugno che ha fatto cadere Elvis a terra, poi sarebbe uscito dal locale prendendosela con l'auto del giovane. Dopo averla speronata con la sua Freelander, Dalla Cia avrebbe cercato di investirlo travolgendo anche i tavolini del bar.

Ma non basta: poi avrebbe lanciato il suo fuoristrada contro la vetrata del locale sfondandola e investendo sia Elvis (rimasto a terra privo di sensi) che un altro avventore. Un pomeriggio di follia che soltanto il sindaco Rino Manzan, chiamato dalla vicina biblioteca, riuscì a calmare facendo ragionare il 54enne fino all'arrivo dei carabinieri. Anche i militari, proprio a fronte di questa nuova contestazione, sarebbero stati presi di mira dal 54enne il quale, resistendo all'arresto, avrebbe procurato loro ferite giudicate guaribili rispettivamente in 15 e 3 giorni di prognosi.