Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Barbiero (Spi Cgil): "Serve massima trasparenza negli appalti"

VENTI COMUNI POTRANNO SFORARE IL PATTO PER SISTEMARE LE SCUOLE

A Paese sbloccati 3 milioni di euro, a Fontanelle 10mila


TREVISO - Dopo il parere positivo della Conferenza Stato-Città, riconosciuto nell'ultima riunione del 2014, può diventare operativo lo schema interventi del Governo relativi al progetto Scuole nuove, i cui oneri sono esclusi dal vincolo del Patto di stabilità. Il provvedimento fa parte di un piano più organico dedicato all'edilizia scolastica, anche per interventi di messa in sicurezza e agibilità, e di piccola manutenzione, decoro e ripristino funzionale che interessano i plessi scolastici.
L'elenco riepilogativo dei Comuni beneficiari dell'autorizzazione allo sforamento degli importi del Patto per gli anni 2014 e 2015 destinati all'edilizia scolastica, conta venti enti locali trevigiani. Molti dunque sono quelli esclusi. Specificando il valore dell'intervento, le modalità di finanziamento previste e la tempistica di realizzazione, i sindaci della Marca si sono aggiudicati un bonus di sforamento dal Patto per interventi sulle strutture scolastiche pari a 9.237.736 euro per il 2014 e di 8.156.806 euro per il 2015.

I NUMERI - A Paese svincolate risorse per poco più di 3 milioni

Il Governo ha deciso di dare priorità a quegli interventi che i Comuni hanno segnalato di poter effettuare esclusivamente con risorse proprie a partire dal 2014. In provincia, dei 20 municipi interessati dal bonus è quello di Paese che nel 2014 ha ottenuto una maggiore possibilità di uscire dalle maglie del Patto con 3.057.766 euro a disposizione per l’edilizia scolastica, segue San Vendemiano con 2.045.537 euro e Caerano San Marco con 1.769.433 euro. Importi decisamente inferiori per Istrana (30mila euro), Casier (23mila euro) e Fontanelle (con appena 10mila euro). Per il 2015 in cima alla liste dei beneficiati si stabilisce Oderzo con 1,4 euro, Cordignano con quasi 1,3 milioni e Nervesa della Battaglia con 862.600 euro.

“Ci auguriamo che gli interventi di edilizia scolastica previsti dai Comuni siano di qualità per la sicurezza dei cittadini e perché, invece di ingenerare un positivo effetto economico sul territorio, non si rivelino a distanza di tempo un ulteriore costo per la collettività – ha detto Paolino Barbiero, segretario generale dello Spi Cgil di Treviso -. A questi Comuni, che hanno la possibilità di sforare il Patto, chiediamo oggi e ribadiremo unitariamente anche in sede di contrattazione sociale che vi sia la massima trasparenza e serietà nella gestione degli appalti per i lavori da porre in essere, nel rispetto della legge e del buon governo. Che vi sia – ha aggiunto il leader dei pensionati Cgil – anche in questa partita una logica che miri all’avvio di economie di scale sul territorio, anche in ordine alle aggregazioni e alle funzioni condivise”. “È un impegno che i nostri sindaci devono prendersi – ha concluso Paolino Barbiero – perché tali risorse in loro possesso e che oggi finalmente hanno l’opportunità di utilizzare per il bene delle loro comunità non vadano sprecati in speculazioni o in progetti miopi, mossi più dal ritorno politico che dal risultato amministrativo”.