Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Congelato" un impero da 130 milioni a Francesco Manzo, pregiudicato di 70 anni

RICICLAGGIO E CAMORRA, SEQUESTRATE ABITAZIONI ANCHE A TREVISO

Operazione della DDA di Venezia con l'impiego di oltre 400 carabinieri


PADOVA - Ci sono anche quattro unità abitative che si trovano nella zona di via Pisa, a Treviso, tra i beni riconducibili a Francesco Manzo, 70enne di Nocera Inferiore ma residente a Padova, finito nel mirino della DDA di Venezia per un'indagine riguardante un ipotetico giro di riciclaggio di capitali riconducibili alla “mala del Brenta” e alla camorra. Il suo era un vero e proprio impero di beni mobili e immobili, conti correnti bancari e postali e quote di società, del valore complessivo di oltre 130mila euro, che è stato interamente congelato da parte dei tribunale di Padova su proposta della Procura Distrettuale Antimafia del Tribunale di Venezia. Il 70enne, pregiudicato, risultava nullatenente per l'Erario: perciò si sospetta che fungesse da “lavatrice” di denaro sporco per conto della malavita campana e non solo. Impegnati nella vasta operazione effettuata oggi circa 400 carabinieri.

Galleria fotograficaGalleria fotografica