Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Scarcerato per mancanza di gravità indiziaria il 31enne di Volpago del Montello

NESSUNA ATTIVITÀ DI SPACCIO: IL DJ JOE D'ANGELO TORNA LIBERO

Ai domiciliari il 24enne Christian Albrino: la droga era di sua proprietà


TREVISO – (gp) Giovanni De Santis è tornato un uomo libero per mancanza di gravità indiziaria. Christian Albrino ha invece ottenuto gli arresti domiciliari. Questa la decisione del gip Bruno Casciarri al termine dell'interrogatorio di convalida a carico del noto dj 31enne di Volpago del Montello e del disoccupato 24enne di Caerano arrestati dalla Squadra Mobile di Treviso venerdì scorso. De Santis, difeso dall'avvocato Mauro Serpico, si è detto del tutto estraneo ai fatti contestati sostenendo di non essere a conoscenza che l'amico che ospitava in casa avesse la droga sequestrata in seguito al blitz. Versione confermata dal diretto interessato, difeso dall'avvocato Ilaria Pempinella, il quale si è assunto tutte le colpe in merito alla detenzione delle sostanze stupefacenti detenute. Il blitz era scattato il 30 gennaio scorso nell'abitazione del dj a Nervesa della Battaglia. Nella casa erano state rinvenute 100 dosi di mdma e 40 pastiglie di ecstasy, oltre a 3 mila euro in contanti frutto, secondo gli inquirenti, dell'attività di spaccio nelle discoteche. In realtà, almeno secondo quanto emerso in seguito all'interrogatorio, il dj Joe d'Angelo non avrebbe mai avuto a che fare con attività di smercio di droga a differenza di Albrino che ha parzialmente ammesso di aver ceduto in sporadiche occasione qualche dose.