Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

NovitÓ di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il procuratore capo di Treviso interviene sull'escalation di furti e rapine a Treviso

DALLA COSTA: "REATI IN CALO, LA GIUSTIZIA FAI DA TE ╚ PERICOLOSA"

"L'esercito non serve a niente, non ha poteri di polizia giudiziaria"


TREVISO – (gp) “La giustizia fai da te è pericolosa per sé e per gli altri, oltre a non essere prevista. L'esasperazione la capisco, ma in agguato ci può sempre essere lo sbaglio, sia da una parte che dall'altra, che potrebbe portare a spiacevoli conseguenze”. Parole del procuratore capo di Treviso Michele Dalla Costa che interviene sugli ultimi episodi di violenza in provincia legati ad aggressioni, furti in casa e rapine. “Fanno effetto le modalità con cui vengono perpetrati certi reati, ma a quanto ci risulta i numeri dicono che i reati sono in calo, e tra questi ci sono sia le rapine che i furti in casa”. Il capo della Procura, riqualificando quella che viene definita una vera e propria emergenza, boccia l'idea delle ronde così come quella dell'impiego dell'esercito in alcune aree particolarmente sensibili. “L'esercito non può fare nulla se non una presenza sul territorio – sostiene Dalla Costa - Non può intervenire non avendo poteri di polizia giudiziaria”. Secondo il procuratore sarebbe meglio aumentare quella che viene definita “sicurezza partecipata”, ovvero incrementare le segnalazioni (che sottolinea non devono essere anonime o poco dettagliate) o riempire piazze e quartieri di persone per evitare che rimangano in mano a bande di delinquenti. Un discorso a parte è stato fatto per le forze dell'ordine: il procuratore inquadra il problema, pur non essendo di sua competenza, sulla distribuzione razionale del personale, sulla mancanza di uomini e sul dispendio di energie (fa l'esempio delle forze dell'ordine impiegate allo stadio di domenica che il lunedì successivo usufruiscono del riposo compensativo e quindi non lavorano).