Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Consegnate le chiavi di ex Actt ed ex Filt agli assegnatari

VIA AL RECUPERO DI ALTRI TRE EDIFICI COMUNALI IN DISUSO

A giorni il bando ex Falegnameria, scuole Cantł e due appartamenti


TREVISO - Togliere il prefisso ex dagli spazi pubblici vuoti, ovvero restituirli alla città. Con questo spirito, l'amministrazione prosegue l'assegnazione di immobili di proprietà in disuso a gruppi di associazioni perchè li recuperino e li rendano nuovemente utilizzabili. Entro la prossima settimana Ca' Sugana pubblicherà i bandi relativi ad altri tre stabili: i locali inglobati nella campata nord del cavalcavia della stazione, la cosiddetta “ex falegnameria”; le ex scuole elementari Cantù, tra Strada comunale delle Corti e via Tirindelli, a Santa Maria del Rovere; e il fabbricato al civico 16 di via Bernardi.
Come già per i precedenti immobili, verranno affidati a consorzi o gruppi di organizzazioni non solo perchè li trasformino in sede delle proprie riunioni, ma perchè vi svolgano attività culturali, ricreative, di educazione, di volontariato, laboratori artistici ed artigianali, purchè con un comune denominatore: devono essere rivolte all'intera collettività. “E' un modo – spiega l'assessore Anna Caterina Cabino – per aprire la città, renderla più viva, senza più buchi neri o non luoghi”.
Per i nuovi fabbricati messi a bando, in Municipio si ipotizza già una possibile destinazione: “L'ex falegnameria, visti gli ampi spazi, ha sicuramente una vocazione polifunzionale – conferma l'assessore Cabino -. Quelli di via Bernardi sono due appartamenti: si potrebbe dunque immaginare un'operazione di social housing per giovani coppie, con ambienti comuni, ad esempio il giardino, al servizio del quartiere. Le scuole Cantù, invece, potrebbero essere restituite alla loro funzioni formativa”. I primi due edifici richiedono una ristrutturazione più massiccia, mentre le ex elementari sono in migliori condizioni, anche se ospitano già un circolo anziani e alcuni altri gruppi. I criteri di assegnazione, valutati da un'apposita commissione saranno i medesimi del precedente bando: il programma delle attività previste, gli investimenti, a carico dell'assegnatario, per la messa a norma, il piano finanziario a sostegno degli stessi, compresa una fidejussione in base al valore dello stabile.
Intanto, con la consegna delle chiavi, ha preso ufficialmente il via il recupero dei due immobili già assegnati: l'ex sede della Filt, il sindacato ferrovieri della Cgil, e l'ex sede Actt, rispettivamente in concessione ventennale a Marca Lab e Binario Uno, sigle che raggruppano varie associazioni cittadine. All'ex Actt, che a sua volta ha ospitato anche il sindacato dei lavoratori dei trasporti della Cisl, in particolare verranno realizzati, tra l'altro, doposcuola, ripetizioni e altre iniziative della Rete degli studenti, capofila del progetto, eventi culturali legati al 70° della Liberazione a cura dell'Anpi, uno sportello per gli immigrati promosso da Cittadinanza attiva. I lavori partiranno a breve ed entro l'estate il nuovo spazio dovrebbe essere operativo: l'appello, lanciato da Marco Zabai, rappresentante di Binario Uno, è a tutti coloro che possano aiutare nel recupero a farsi avanti.