Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Roberto Saccocci, medico del Benetton rugby non ha esitato e si č tuffato in acqua

TENTA IL SUICIDIO E SI GETTA NEL SILE, SALVATO DA UN MEDICO

Dramma sfiorato di fronte all'Universitā, 76enne gravissimo


TREVISO - Ha tentato il gesto estremo gettandosi nelle acque gelide del Sile ma e' stato salvato da un medico dello staff del Benetton rugby, Roberto Saccocci che si trovava nei paraggi e non ha esitato neppure un istante: si e' tuffato e lo ha riportato a riva. Il dramma si e' consumato nella serata di ieri poco dopo le 20 lungo il ponte di legno di fronte all'università di Treviso. A cercare il suicidio un uomo di 76 anni, trevigiano e residente nella zona, spinto forse dalla depressione. Le sue condizioni sono gravissime: attualmente si trova ricoverato presso il Ca' Foncello di Treviso nel reparto di terapia intensiva con una grave forma di ipotermia e nella serata di ieri e' stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. Senza l'intervento del medico (residente in via Venier a Treviso, anche lui portato in pronto soccorso per accertamenti) l'anziano non avrebbe avuto scampo, sarebbe stato inghiottito dalle acque del Sile, annegando. Sul posto sono immediatamente giunti i carabinieri, richiamati da alcuni passanti, ed i vigili del fuoco di Treviso che hanno dato il loro supporto per salvare il 76enne. Ad assistere alla scena numerosi cittadini che stavano transitando nella zona ed hanno assistito impotenti alla tragedia. Sul fatto indagano ora i carabinieri che hanno svolto accertamenti nei confronti dell'anziano fino a tarda sera. Verrà probabilmente risentito dai militari anche Roberto Saccocci, il medico diventato suo malgrado un eroe: quando ha visto il 76enne gettarsi nel Sile non ha esitato neppure un istante e lo ha trascinato a riva.