Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Primo rincaro in cinque anni, pesa il crescente numero di non autosufficienti

L'ISRAA AUMENTA LE RETTE DELLE CASE DI RIPOSO DI UN EURO AL GIORNO

Il presidente Caldato: "Decisione sofferta ma ineludibile"


TREVISO - Il Consiglio di Amministrazione dell’Israa con decisione sofferta ma ineludibile, comunque consapevole delle grosse difficoltà che il contesto socio economico impone, ha deliberato per l’anno 2015 un modesto aumento delle quote di residenzialità quantificato in un euro al giorno (il costo di un caffè). Si tratta del primo aumento applicato nell’arco degli ultimi 5 anni su quote che, si badi bene, sono omnicomprensive di ogni servizio.
Si evidenzia che le nuove tariffe si pongono comunque tra le più basse a livello nazionale e in particolare nel nostro territorio.
Una delle ragioni che sta alla base di questo intervento consiste nella necessità di dare nuovi servizi a quella fascia di anziani “autosufficienti” che per naturale decorso della vita necessitano di integrazione di servizi socio sanitari in quanto si avvicinano alla “non autosufficienza”.
La grande attenzione prestata alla gestione nei precedenti anni ha permesso di assorbire l’aumento fisiologico del costo della vita (Istat 2010-2015 pari all’8%) e altri costi, mantenendo comunque elevato il tenore dei servizi all’anziano, che rimane sempre l’obiettivo “principe” del nostro operato.
L’Israa considerata la situazione generale circa l’esponenziale aumento della popolazione anziana (oggi 23% dell’intera popolazione e la previsione futura è del 33% nel 2050) e le correlate necessità che tale situazione impone, si sta attivando per venire incontro alle nuove ed epocali esigenze, offrendo servizi innovativi in totale sintonia e sinergia con le amministrazioni locali e gli organi sociali del territorio.