Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Arrestato un pakistano 28enne, due denunciati, indagine della polizia stradale

SGOMINATA LA BANDA DEGLI ESAMI DI SCUOLA GUIDA "TRUCCATI"

Alla prova di teoria esaminandi muniti di auricolare e telecamera


TREVISO - (NC) Una microcamera sistemata al posto di un bottone della camicia, un auricolare microscopico nascosto nell'orecchio, un cellulare legato alla caviglia con del nastro adesivo e, fissato con lo stesso modo, un trasmettitore wireless occultato dietro alla schiena. Era questo il kit fornito da una banda composta da tre pakistani agli esaminandi, principalmente connazionali e indiani, per passare l'esame di teoria della patente alla Motorizzazione civile di Treviso. Costo del pacchetto: tra i 1300 ed i 1600 euro circa. Il “servizio” comprendeva l'installazione del kit prima dell'esame e il suggerimento via auricolare delle risposte esatte: le immagini del test d'esame venivano trasmesse in streaming direttamente sul tablet di un pakistano di 44 anni, residente a Bologna.
Lo straniero, consultando il libro di scuola guida, aveva gioco facile a indicare a voce le risposte esatte all'esaminando. A scoprire questo ingegnoso metodo per truccare gli esami sono stati gli investigatori della sezione di polizia giudiziaria della polizia stradale di Treviso. Ad essere arrestato a metà dicembre un pakistano di 28 anni, residente a Bolzano: è stato sorpreso dagli agenti mentre riceveva una somma di 1300 euro da un connazionale che aveva poco prima superato l'esame ed era stato pedinato. Denunciati nel corso dell'operazione anche il 44enne di Bologna che era incaricato di suggerire le risposte esatte ai test e la cui abitazione è stata perquisita alcune settimane fa ed un 27enne di Vicenza, anche lui pakistano. Sono stati finora accertati finora sei casi di stranieri che hanno passato le prove di teoria con questa tecnica: provengono da svariate province del Veneto e quasi tutti capiscono a stento l'italiano. Tutti saranno costretti a sottoporsi nuovamente all'esame. Le parole del comandante della polizia stradale di Treviso, Alessandro De Ruosi.