Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In aula un 25enne di Montebelluna: doveva rispondere di omicidio colposo

GUIDAVA L'AUTO IN CUI MORÌ LA SUA RAGAZZA: PATTEGGIA 22 MESI

La vittima era Melissa Zamperin, 26enne di Campigo di Castelfranco


CASTELFRANCO – (gp) Dopo aver perso la fidanzata in un tragico incidente, si è ritrovato a dover rispondere del reato di omicidio colposo, con l'aggravante della guida in stato d'ebbrezza, perché ritenuto responsabile per la sua scomparsa. Raggiunto un accordo con la Procura di Treviso, Marco Gatto, 25enne montebellunese difeso dall'avvocato Antonio Campion, ha patteggiato di fronte al gup Silvio Maras un anno e dieci mesi di reclusione ottenendone la sospensione condizionale. Lo stesso legale si è messo anche in contatto con i legali delle otto parti civili (genitori, nonni e zii), assistite dall’avvocato Francesco Rondello di Padova, per definire il risarcimento del danno, che verrà liquidato dall’assicurazione (Gatto aveva stipulato una polizza che lo copriva anche in caso di guida in stato d’ebbrezza). Il giudice ha inoltre ridotto la pena accessoria della sospensione della patente passando dai due anni iniziali a un anno e quattro mesi. Il giovane era finito sotto accusa per la morte di Melissa Zamperin, la 26enne di Campigo di Castelfranco deceduta in uno scontro frontale avvenuto l'8 marzo scorso lungo la presa dieci del Montello. Nell'incidente erano rimaste coinvolte altre sei persone, che fortunatamente non avevano riportato gravi traumi anche se erano stati tutti trasportati per accertamenti all'ospedale di Montebelluna. La giovane si trovava a bordo dell'auto, una Volkswagen Golf guidata appunto dal fidanzato, seduta sul sedile posteriore. La vettura si era scontrata frontalmente con una Opel Insigna con all'interno una famiglia, originaria di Mogliano Veneto: padre 48enne, moglie 39enne e la figlia di 12 anni. A invadere la corsia opposta causando lo schianto sarebbe stata proprio l'auto su cui viaggiava Melissa Zamperin. Gli ulteriori accertamenti tecnici per stabilire l'esatta dinamica del sinistro e le cause avevano poi confermato, secondo la Procura, le ipotesi iniziali: sarebbe stata infatti la velocità elevata in discesa a proiettare la Golf verso l'esterno andando a centrare il mezzo della famiglia di Mogliano Veneto che proseguiva in senso opposto. Motivo per cui il giovane è stato prima iscritto nel registro degli indagati per l'ipotesi di reato di omicidio colposo e poi spedito a processo.