Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In aula un 25enne di Montebelluna: doveva rispondere di omicidio colposo

GUIDAVA L'AUTO IN CUI MORÌ LA SUA RAGAZZA: PATTEGGIA 22 MESI

La vittima era Melissa Zamperin, 26enne di Campigo di Castelfranco


CASTELFRANCO – (gp) Dopo aver perso la fidanzata in un tragico incidente, si è ritrovato a dover rispondere del reato di omicidio colposo, con l'aggravante della guida in stato d'ebbrezza, perché ritenuto responsabile per la sua scomparsa. Raggiunto un accordo con la Procura di Treviso, Marco Gatto, 25enne montebellunese difeso dall'avvocato Antonio Campion, ha patteggiato di fronte al gup Silvio Maras un anno e dieci mesi di reclusione ottenendone la sospensione condizionale. Lo stesso legale si è messo anche in contatto con i legali delle otto parti civili (genitori, nonni e zii), assistite dall’avvocato Francesco Rondello di Padova, per definire il risarcimento del danno, che verrà liquidato dall’assicurazione (Gatto aveva stipulato una polizza che lo copriva anche in caso di guida in stato d’ebbrezza). Il giudice ha inoltre ridotto la pena accessoria della sospensione della patente passando dai due anni iniziali a un anno e quattro mesi. Il giovane era finito sotto accusa per la morte di Melissa Zamperin, la 26enne di Campigo di Castelfranco deceduta in uno scontro frontale avvenuto l'8 marzo scorso lungo la presa dieci del Montello. Nell'incidente erano rimaste coinvolte altre sei persone, che fortunatamente non avevano riportato gravi traumi anche se erano stati tutti trasportati per accertamenti all'ospedale di Montebelluna. La giovane si trovava a bordo dell'auto, una Volkswagen Golf guidata appunto dal fidanzato, seduta sul sedile posteriore. La vettura si era scontrata frontalmente con una Opel Insigna con all'interno una famiglia, originaria di Mogliano Veneto: padre 48enne, moglie 39enne e la figlia di 12 anni. A invadere la corsia opposta causando lo schianto sarebbe stata proprio l'auto su cui viaggiava Melissa Zamperin. Gli ulteriori accertamenti tecnici per stabilire l'esatta dinamica del sinistro e le cause avevano poi confermato, secondo la Procura, le ipotesi iniziali: sarebbe stata infatti la velocità elevata in discesa a proiettare la Golf verso l'esterno andando a centrare il mezzo della famiglia di Mogliano Veneto che proseguiva in senso opposto. Motivo per cui il giovane è stato prima iscritto nel registro degli indagati per l'ipotesi di reato di omicidio colposo e poi spedito a processo.