Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Muraro: "Iter lungo ma l'area è unica e peculiare"

AVANZA LA CANDIDATURA DELLE COLLINE DEL PROSECCO A PATRIMONIO UNESCO

Riuniti in Provincia tutti i soggetti coinvolti nel progetto


TREVISO - Passo avanti nella candidatura delle colline di Prosecco Conegliano Valdobbiadene a patrimonio dell’Umanità Unesco. A sancirlo, un nuovo incontro tra i vertici della Provincia e della Regione, i sindaci di Conegliano e Valdobbiadene, Floriano Zambon e Luciano Fregonese, i rappresentanti dei consorzi di tutela del prosecco doc e docg e della Camera di commercio, e gli esponenti del comitato per la candidatura.
“Le nostre colline di Conegliano Valdobbiadene sono state valutate come uniche e peculiari e quindi idonee alla candidatura, coerentemente con l’articolo 1 della Convenzione Unesco in riferimento ai paesaggi culturali, ovvero quei siti che sono originati dalla combinata attività dell’uomo e della natura. Nel caso delle nostre colline si tratta si un paesaggio generato da un processo continuo che si è evoluto nella storia attraverso e al quale la società si è organizzata – come cultura tecnica e produttiva - adattandosi. Il percorso di candidatura è lungo e richiede consistenti approfondimenti tecnici e scientifici. Noi andiamo avanti perché crediamo nel valore culturale e ambientale di queste nostre colline”, ha spiegato il presidente della Provincia di Treviso, Leonardo Muraro.
L’organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (U.N.E.S.C.O.) ha finora iscritto nella sua “Lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità” 5 siti presenti nel territorio della Regione del Veneto, riconosciuti e protetti come contesti d’eccellenza del patrimonio culturale e ambientale: Venezia e la sua Laguna nel 1987; Vicenza nel 1994 e le ville di Palladio del Veneto nel 1996; l'Orto Botanico di Padova nel 1997; la città di Verona 2000; le Dolomiti nel 2009.

Galleria fotograficaGalleria fotografica