Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Record di presenti alla serata organizzata da Indipendenza Veneta

ALESSIO MOROSIN E JACOPO BERTI "AI VENETI L'INDIPENDENZA"

I due candidati alle regionali di fronte a oltre 500 persone



CASTELFRANCO VENETO
- E' stato un successo di partecipanti l'incontro sul tema dell'Indipendenza della nostra Regione organizzato lunedì sera 23 febbraio all'Hotel Rino Fior di Castelfranco Veneto da Indipendenza Veneta con la partecipazione del Movimento 5 Stelle e il suo candidato alle prossime elezioni regionali, il giovane imprenditore padovano Jacopo Berti. Oltre 500 le persone che hanno trovato posto nelle due sale allestite, molti altri rimasti in piedi, altri costretti a tornare nelle proprie abitazioni per l'impossibilità di trovare parcheggio e "costretti" a seguire il dibattito in streaming su internet.
Un tavolo di relatori di primissimo piano. Tra questi il primo a prendere parola l'Onorevole Federico D'Incà (M5S) ha sottolineato il diritto all'indipendenza dei veneti come di tutti gli altri popoli con propria identità nazionale, auspicando una confederazione di stati nazionali indipendenti su modello svizzero. Michele Favero, primo consigliere di Indipendenza Veneta, ha spiegato alla platea il motivo per cui il movimento ha deciso di presentarsi alle prossime elezioni regionali al fine di garantire la possibilità ai veneti di esprimere i loro intenti a mezzo di un referendum democratico: "l'indipendenza del Veneto sarà propedeutica alla salvezza dell'Italia intersa" ha sottolineato Favero.
Daniele Trabucco, avvocato di diritto costituzionale, ha invece illustrato il percorso giuridico alle istanze dell'indipendenza, sempre nel rispetto della normativa vigente. Un percorso possibile esistendo tuttora anche un problema di identificazione geografica, ferma alla rappresentazione giacobina e mai adeguata alle specifiche realtà di carattere antropologico, economico e sociale.
Con un procedimento che parte dal basso è invece possibile dare vita - costituzionalmente - ad una macro regione, un primo passo concreto per l'indipendenza: la repubblica resterebbe ma ne cambierebbe la sovranità, con una serie di stati membri che ne farebbero parte. "Gli strumenti ci sono già - chiosa - ma non vengono attuati".

A prendere parola è stato poi Andrea Favaro, avvocato e Professore di Filosofia del diritto, Istituzioni di Diritto Romano e Antropologia giuridica presso lo Studium Generale Marcianum di Venezia, che nel suo intervento ha citato Gaetano Salvemini (già docente ad Harward e laurea honoris causa ad Oxford), che nel 1947 a proposito della Costituente e della Costituzione disse che si trattava di un'alluvione "di scempiaggine giuridica, storica e politica degli uomini italiani", mentre Piero Calamandrei (storico politico) la definì "una serie articoli che collidono". "Il principio di autodeterminazione non lede l'articolo 5 della Costituzione" e lo evidenziano negli anni i casi di Istria-Trieste, Kossovo, Cecoslovacchia e Urss.
Jacopo BertiOspite della serata organizzata da Indipendenza Veneta, come detto, anche Jacopo Berti, candidato governatore alle regionali del Movimento 5 Stelle, che si sta battendo molto sul tema dell'Indipendenza. Berti ha spinto la gente a non mollare, a riprendere in mano quello che è proprio, prendendo ad esempio il recente caso Lombardia dove il Referendum si farà anche grazie al Movimento 5 Stelle. "Deve essere il popolo a decidere, da 20 anni sono state raccontate troppe storie, basta bugie, mi batterò fino all'ultimo."
A chiudere i lavori l'avvocato Alessio Morosin, presidente onorario di Indipendenza Veneta anche lAvv. Alessio Morosinui candidato alle prossime regionali, l'unico politico a rinunciare in tempi non sospetti all'indennità da consigliere regionale. Morosin ha ribadito il fatto che con il diritto di voto pur nella diversità di pensiero, si può vincere. "Non è un'alleanza, ognuno corre per la propria strada, ma la battaglia politica va portata avanti, è una battaglia contro il malaffare, contro una realtà distante dall'interesse dei veneti, della nostra gente." Il percorso è l'autodeterminazione, l'indipendenza porta alla confederazione. Il diritto di voto nessuno lo può negare. La democrazia e la libertà sono valori che vanno interpretati non subiti ,è un atto politico che va esercitato. La scelta di andare al voto e con un solo punto di programma, il referendum per l'indipendenza, è la coraggiosa strategia di Indipendenza Veneta.