Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Polizia ha eseguito l'ordinanza di cattura nei confronti di Li Rongmei

LUCCIOLE CINESI LOW COST: FERMATA UNA LATITANTE A TREVISO

E' sospettata di essere parte di una banda che sfruttava connazionali


TREVISO - E ' stata fermata dagli agenti della Polizia di Stato a Treviso la donna cinese Li Rongmei, 52enne nata a Shanghai, che risultava latitante dallo scorso 16 febbraio, data in cui era scattata l'operazione della Squadra Mobile della Questura di Pescara che aveva sgominato un'organizzazione, tutta cinese, dedita allo sfruttamento della prostituzione nel pescarese. All'epoca, il Gip del Tribunale di Pescara, Nicola Colantonio, su richiesta del pm che aveva diretto le indagini, Salvatore Campochiaro, aveva emesso ordinanze di custodia cautelare in carcere per tre uomini e tre donne, tutti di nazionalità cinese e con regolare permesso di soggiorno. Quest'ultima esecuzione di misura cautelare è stata operata dalla Squadra Mobile di Treviso in relazione all'ordinanza del Gip Colantonio. La donna é accusata di aver fatto parte di una ramificata associazione per delinquere finalizzata allo sfruttamento della prostituzione e al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina nei confronti di decine di ragazze cinesi clandestine, e che gestiva almeno tre case di prostituzione, di cui due a Pescara e una a Montesilvano (Pescara). Le indagini della Squadra Mobile pescarese, coordinata dal vice Questore Pierfrancesco Muriana, si sono basate su intercettazioni telefoniche, pedinamenti, escussioni testimoniali e, soprattutto, sulla testimonianza di una delle prostitute affrancatasi dal giogo dei suoi sfruttatori. In particolare, secondo gli investigatori, Li Rongmei gestiva l'aspetto logistico dell'associazione in quanto si occupava di stipulare contratti di locazione per gli appartamenti dove si prostituivano le donne e a volte di pagare i canoni di affitto.