Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sabato 28 febbraio, prima dello spettacolo una visita guidata in tema

LA LINGUA COME STRUMENTO DI OPPRESSIONE

Anagoor porta al Teatro Duse di Asolo "Lingua Imperi"


ASOLO - Il potere della lingua, troppo spesso utilizzata come strumento di oppressione e di violenza, e i tanti “olocausti” che hanno percorso la storia dell’umanità: due temi su cui Anagoor “affonda” la sua riflessione con L.I Lingua Imperi - violenta la forza del morso che la ammutoliva, in scena per Centorizzonti al Teatro Duse di Asolo, sabato 28 febbraio, ore 21.
Prima dello spettacolo, alle 18.30, una visita guidata alla scoperta di alcune delle pagine “scure” della storia di Asolo immerge nel clima dello spettacolo.

L.I Lingua Imperi è il lavoro che segna la piena maturità della compagnia di Castelfranco Veneto: negli ultimi anni sta raccogliendo un successo crescente anche a livello europeo e nel 2013 ha ottenuto il prestigioso premio Hystrio - Castel dei mondi. La regia è di Simone Derai, che firma anche la drammaturgia insieme a Patrizia Vercesi.

L’asse portante della complessa e ricercata struttura drammaturgica è rappresentata da tre dialoghi tratti dal romanzo Le Benevole di Jonathan Littel e ambientati in Caucaso nel 1942: un ufficiale delle SS e un linguista si confrontano - in un territorio che è un “crogiolo” di popoli e culture diverse - sulla possibilità di riconoscere l’etnia ebraica in base all’idioma. Una conversazione che apre alla riflessione sulla “lingua”, utilizzata dal potere a volte come elemento di “stigma” sociale, altre volte come leva di una propaganda che pretende di imporre il proprio alfabeto, mentre gli oppressi sono costretti silenzio.
A questi dialoghi si intrecciano alcuni “quadri” di grande forza evocativa: dal sacrificio di Ifigenia di Eschilo al racconto della caccia come metafora della follia dell’uomo e contro l’uomo, tratto dalle pagine di Winfried Sebald, fino alle suggestioni di Primo Levi ne I sommersi e i salvati.
Frammenti accompagnati dai video che scorrono su tre grandi schermi e dalla musica, eseguita a cappella, rigorosamente dal vivo. «Vogliamo stimolare una riattivazione della memoria su un piano diverso da quello dell’informazione attraverso documenti - spiega Derai - in un percorso in grado di suscitare l’immemorabile, quel sepolto che lascia sgomenti e che proprio per questo è sottoposto ad un processo di oblio».


Anticipa lo spettacolo alle 18,30 la visita del borgo dal titolo “Asolo scura”, inserita nel programma Vivere il territorio, che abbina alla proposta teatrale momenti di scoperta del paesaggio che li ospita. 
Sabato 28 i visitatori possono partecipare ad un viaggio che affonda su alcuni dei passaggi più “inquietanti” della storia locale, dallo sterminio degli ebrei asolani del 1547 alla figura del terribile Ezzelino.
Centorizzonti prosegue ad Asolo con altri due appuntamenti al teatro Duse, mentre la rassegna ideata da Echidna attraversa 10 Comuni con 16 appuntamenti. Il 7 marzo sarà la volta di Natalino Balasso con Velodimaya, mentre il 17 aprile va in scena la prima regionale di Wonderwoman con Giuliana Musso, Antonella Questa e Marta Cuscunà, tutti accompagnati da speciali visite guidate.
Per gli appuntamenti di Asolo il Comune ha attivato un servizio di bus navetta dalle 20 alle 21.30 e dalle 23 alle 24.30 (costo 2 euro a/r, percorso: Ca’ Vescovo - ospedale - centro storico).

Prenotazioni: Echidna - Tel. 041412500 - 3409446568; www.echidnacultura.it / Biglietti 13Є – 11Є
Prevendite: Sportelli Credito Trevigiano (lun - ven); Iat Asolo (giov matt e sab pom), Spazio Hub Fornace di Asolo (sabato mattina)
Biglietti visita guidata: 5 Є (ritrovo all’ufficio turistico, ore 18.30, prenotazione obbligatoria. Per info BellAsolo, tel.0423 565478, e-mail info@bellasolo.it)