Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ospite l'artista che per Daverio ha riassunto mezzo secolo di Veneto

DALL'INFORMALE ALLA FORMA: MAURIZIO AZZOLINI IN MOSTRA

La vernice sabato 28 febbraio allo Spazio Open di Treviso


TREVISO - Solo chi sa perdersi nell'abisso dell'informale, indagandolo in tutti i suoi aspetti, riesce lucidamente a riemergerge con una nuova consapevolezza, quella della forma, come nuova e preziosa unità di misura artistica.
In questo modo, può essere brevemente raccontato il percorso del pittore Maurizio Azzolini, che inaugurerà la sua prossima mostra personale sabato 28 febbraio, dalle ore 18.30, nella galleria d'arte contemporanea Spazio Open, Bevacqua Panigai di Piazza Sant'Andrea a Treviso.
Philippe Daverio ha parlato di lui come un poeta, capace di riassumere il meglio del Veneto degli ultimi 40-50 anni, restituendolo nelle sue opere. Oggi, con questa mostra Azzolini ha deciso di presentare il suo ultimo ciclo di lavori e di conseguenza ha deciso di abbandonare il comodo posto (occupato di diritto) tra i maestri informali veneti per rimettersi in gioco, per sperimentare, indagare e scoprire la forma.
Maurizio Azzolini solo approssimativamente può essere definito informale. Il pittore Azzolini sa bene, invece,che "la geometria è madre di tutte le forme" ed i suoi dipinti sottendono, pur nell'accesa gestualità una struttura portante nascosta,segreta.
Le opere in mostra sono una ventina e rappresentano, una dopo l'altra, i capitoli di questo percorso evolutivo intrapreso dall'artista. L'analisi grafico-cromatica di tipo gestuale lascia spazio ad un attento studio della forma e all'utilizzo di materiali diversi, non solo olii sulla tela ma anche cementiti. Regna l'equilibrio, la compostezza visiva, lampi di colori sempre misurati nelle opere di Azzolini, opere che delicatamente si imprimono negli occhi del fruitore rendendolo prigioniero di un'arte fatta di maturità espressiva contaminata da nuova esperienza e semplice voluttà.

Mostra visitabile fino al 13 Marzo
Dal Mercoledì al Venerdì dalle 15 alle 19 e
su appuntamento scrivendo una mail a chiedi@spazio-open.com


MAURIZIO AZZOLINI – BIOGRAFIA
Nato a Bondeno-Ferrara nel 1937, si trasferisce a Milano negli anni Sessanta, poi a Venezia, dove entra in contatto con i maestri dell’arte contemporanea.
Maurizio Azzolini ha partecipato a numerose mostre, concorsi e collettive, riscontrando ovunque consensi e riconoscimenti. Ha tenuto mostre personali a Mestre, Treviso, Ferrara, Mirano, Padova e Venezia.
Sue opere si trovano in collezioni private e pubbliche sia in Italia che all’estero. Anche il Museo Ca’ Pesaro di Venezia ospita una sua opera.