Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La giovane ungherese arrestata dai carabinieri si difende e accusa due albanesi

COCAINA IN CASA: "NON ╚ MIA", E COLLABORA CON LA GIUSTIZIA

Nella sua abitazione sonostati rinvenuti 1,3 kg di polvere bianca


SAN BIAGIO DI CALLALTA – (gp) La giovane ungherese si difende: “Quella droga non è mia, la tenevo per conto di altre due persone”. Facendo nomi e cognomi di due albanesi, la ragazza dell'est ritenuta parte di un'organizzazione dedita allo spaccio di stupefacenti in vari locali della Marca e a clienti facoltosi, si è difesa di fronte al giudice decidendo di collaborare con la giustizia. Stando a quanto ricostruito dai carabinieri, che la tenevano d'occhio da tempo, la giovane aveva nella propria disponibilità un ingente quantitativo di cocaina. Ottenuto un decreto di perquisizione dalla magistratura trevigiana, i militari hanno agito a colpo sicuro. Nell'abitazione della ragazza infatti sono stati rinvenuti un chilo e 300 grammi di polvere bianca. Lei però con quella droga, almeno secondo la difesa, non avrebbe avuto niente a che fare. Nessuno spaccio né in discoteca né tanto meno al dettaglio. La versione fornita dalla giovane, che rimane agli arresti domiciliari, sembra credibile. O almeno porterà gli inquirenti a indagare su chi avrebbe portato quella droga nella casa della giovane a San Biagio di Callalta.