Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

NovitÓ di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La giovane ungherese arrestata dai carabinieri si difende e accusa due albanesi

COCAINA IN CASA: "NON ╚ MIA", E COLLABORA CON LA GIUSTIZIA

Nella sua abitazione sonostati rinvenuti 1,3 kg di polvere bianca


SAN BIAGIO DI CALLALTA – (gp) La giovane ungherese si difende: “Quella droga non è mia, la tenevo per conto di altre due persone”. Facendo nomi e cognomi di due albanesi, la ragazza dell'est ritenuta parte di un'organizzazione dedita allo spaccio di stupefacenti in vari locali della Marca e a clienti facoltosi, si è difesa di fronte al giudice decidendo di collaborare con la giustizia. Stando a quanto ricostruito dai carabinieri, che la tenevano d'occhio da tempo, la giovane aveva nella propria disponibilità un ingente quantitativo di cocaina. Ottenuto un decreto di perquisizione dalla magistratura trevigiana, i militari hanno agito a colpo sicuro. Nell'abitazione della ragazza infatti sono stati rinvenuti un chilo e 300 grammi di polvere bianca. Lei però con quella droga, almeno secondo la difesa, non avrebbe avuto niente a che fare. Nessuno spaccio né in discoteca né tanto meno al dettaglio. La versione fornita dalla giovane, che rimane agli arresti domiciliari, sembra credibile. O almeno porterà gli inquirenti a indagare su chi avrebbe portato quella droga nella casa della giovane a San Biagio di Callalta.