Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La giovane ungherese arrestata dai carabinieri si difende e accusa due albanesi

COCAINA IN CASA: "NON ╚ MIA", E COLLABORA CON LA GIUSTIZIA

Nella sua abitazione sonostati rinvenuti 1,3 kg di polvere bianca


SAN BIAGIO DI CALLALTA – (gp) La giovane ungherese si difende: “Quella droga non è mia, la tenevo per conto di altre due persone”. Facendo nomi e cognomi di due albanesi, la ragazza dell'est ritenuta parte di un'organizzazione dedita allo spaccio di stupefacenti in vari locali della Marca e a clienti facoltosi, si è difesa di fronte al giudice decidendo di collaborare con la giustizia. Stando a quanto ricostruito dai carabinieri, che la tenevano d'occhio da tempo, la giovane aveva nella propria disponibilità un ingente quantitativo di cocaina. Ottenuto un decreto di perquisizione dalla magistratura trevigiana, i militari hanno agito a colpo sicuro. Nell'abitazione della ragazza infatti sono stati rinvenuti un chilo e 300 grammi di polvere bianca. Lei però con quella droga, almeno secondo la difesa, non avrebbe avuto niente a che fare. Nessuno spaccio né in discoteca né tanto meno al dettaglio. La versione fornita dalla giovane, che rimane agli arresti domiciliari, sembra credibile. O almeno porterà gli inquirenti a indagare su chi avrebbe portato quella droga nella casa della giovane a San Biagio di Callalta.