Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il consiglio federale impone a Tosi di scegliere tra Carroccio e fondazione

LA LEGA CANDIDA ALL'UNANIMITÀ ZAIA ALLE REGIONALI

Il trevigiano Gianpaolo Dozzo nominato commissario per le liste


MILANO - Il Consiglio federale della Lega ha votato all'unanimità a favore della candidatura di Luca Zaia alle prossime elezioni regionali del Veneto. Non solo, il massimo organismo del Carroccio ha nominato il trevigiano Gianpaolo Dozzo, leghista della prima ora, commissario "ad acta" sulle liste. In sostanza, in caso di contrasto tra Zaia e il segretario veneto Flavio Tosi sulla composizione delle candidature, spetterà a Dozzo l'ultima parola. Quanto alle alleanze, in particolare quelle con Forza Italia e Ncd, sarà il segretario Matteo Salvini a dettare la linea, poichè, ha ribadito il consiglio, quella veneta è un'elezione di portata nazionale. Nel braccio di ferro che ha visto in queste settimane contrapposti il segretario regionale Tosi e il governatore uscente Luca Zaia, il parlamentino leghista, riunito nella sede di via Bellerio a Milano, ha anche stabilito che la fondazione creata dal primo cittadino di Verona, Ricostruiamo il paese - Il Faro, è incompatibile con l'appartenenza al Carroccio. Il sindaco e gli altri militanti aderenti al questo soggetto politico hanno sette giorni di tempo per decidere: o ne usciranno o verranno espulsi dalla Lega. Qualcuno dei componenti del consiglio aveva anche chiesto provvedimenti - poi non adottati - nei confronti di Tosi per aver svolto attività politica in contrasto con quella ufficiale del partito. Il segrerario "nathional" ha parlato di un commissariamento di fatto della sua figura. Per Salvini, invece, è stata posta la parola fine alle beghe interne: "Chi si aspettava spaccature interne è rimasto deluso - ha dichiarato il leader nationale -, oggi ha vinto il Veneto il movimento è compatto e ha il suo candidato per la Regione, che è Zaia".
Il consiglio federale, a porte chiuse, è durato circa quattro ore: il sindaco scaligero è stato tra i primi ad arrivare nel quartier generale leghista. Nella riunione è stato anche tirato un bilancio della manifestazione contro il governo Renzi organizzata sabato a Roma. Giovedì è convocato anche il consiglio della Liga Veneta, sempre per affrontare il tema regionali.