Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Procura della Capitale indaga per reati pił gravi e diventa dunque competente

TREVISO ESCE DALL'AFFAIRE VENETO BANCA: LE CARTE A ROMA

L'inchiesta per aggiotaggio, partita da Treviso, ha dato il via alle indagini


TREVISO - (gp) Treviso esce dall'affaire Veneto Banca. Non si tratta di un'estromissione o di un'esclusione, ma soltanto di un passaggio di carte dal terzo piano del Palazzo di Giustizia di via Verdi alla Procura di Roma. E' anche segno però che il ciclone che ha travolto l'istituto di credito di Montebelluna potrebbe essere più grave del previsto. O meglio, potrebbe aggravarsi col passare delle settimane.

Come confermato dal procuratore di Treviso Michele Dalla Costa, è stata infatti la stessa magistratura romana a richiedere l'invio del fascicolo d'indagine per aggiotaggio, aperto nella Marca nel 2013, in quanto le condotte contestate agli ex vertici della banca potrebbero essere strettamente connesse con quelle su cui sta indagando la Procura di Roma. I magistrati della Capitale, che ipotizzano reati più gravi, sono diventati dunque competenti anche per quello di aggiotaggio.


Il blitz della Guardia di Finanza dello scorso martedì grasso sarebbe stato insomma soltanto una tappa, non la prima e necessariamente nemmeno l'ultima, di un'indagine nata a Treviso oltre un anno e mezzo fa. Nello specifico da quando gli ispettori di Bankitalia avevano fatto visita al quartier generale della banca a Signoressa a fine estate del 2013. Era stato in seguito a quella segnalazione che la magistratura trevigiana aprì un fascicolo d'inchiesta per aggiotaggio, iscritto a modello 45, ovvero senza iscrivere nessuno nel registro degli indagati.

Dopo la perquisizione delle fiamme gialle di Venezia nel cuore pulsante dell'istituto di credito si è venuti però a sapere che Vincenzo Consoli, ex amministratore delegato e ora direttore generale di Veneto Banca, e l'ex presidente Flavio Trinca risultano iscritti nel registro degli indagati per ostacolo alla vigilanza. I presunti illeciti riguardano il rialzo (nel caso specifico) o ribasso dei prezzi sul pubblico mercato o nelle borse di commercio delle azioni dell'istituto di credito.

Veneto Banca avrebbe, per l'accusa, sovrastimato i parametri economici e patrimoniali contribuendo a diffondere tra i risparmiatori l'immagine di un gruppo bancario più solido di quanto non fosse in realtà. Ma nel mirino degli inquirenti c'è anche l'erogazione “allegra” di finanziamenti ai soci, oltre che ai membri del cda, ovvero senza le prescritte garanzie o la valutazione dei rischi. Tutte ipotesi, certo, su cui però la Procura di Roma intende vederci chiaro. Non è nemmeno escluso che i vertici e gli ex vertici della banca vengano convocati nelle prossime settimane per essere sentiti dai magistrati.