Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"La segreteria regionale è stata eletta democraticamente e il Faro l'ha voluto Maroni"

"SPERO CHE IL COMMISSARIO NON SERVA, MA È UNA PREVARICAZIONE"

Leonardo Muraro richiama l'autonomia della Lega veneta


TREVISO - “Per certi versi è una prevaricazione dell'autonomia decisionale della segreteria Liga veneta, democraticamente eletta dai militanti nel 2012”. Leonardo Muraro, presidente della Provincia, considerato tra i leghisti della Marca più vicini a Flavio Tosi, ammette qualche perplessità sulla decisione del consiglio federale della Lega di lunedì scorso di nominare una sorta di supervisore, il trevigiano Gian Paolo Dozzo, cui spetterà l'ultima parola sul numero e la composizione delle liste per le prossime elezioni regionali. Una misura individuata per risolvere il braccio di ferro tra il governatore uscente Luca Zaia e il segretario veneto Flavio Tosi. E scongiurare così il rischio di una spaccatura, con la discesa in campo in prima persona dello stesso Tosi. Muraro si augura che i due contendenti possano giungere ad una scelta condivisa e dunque "il commissario non debba nemmeno intervenire". All'indomani della riunione del massimo organismo del Carroccio, tuttavia, Flavio Tosi ha parlato di un commissariamento di fatto della Lega in Veneto. Il presidente della Provincia concorda almeno in parte: "Di fatto è un commissariamento - nota Muraro -. Però non vorrei si arrivasse a questo: la segreteria regionale è stata eletta democraticamente e sette segretari provinciali su otto (la suddivisione organizzativa del partito non coincide perfettamente con quella amministrativa, ndr) hanno affermato che deve essere la Liga Veneta a decidere sulle candidature, ovviamente nel rispetto del governatore".
Il primo banco di prova sarà il consiglio regionale della Lega, convocato giovedì proprio sulla questione elezioni (nei giorni scorsi Tosi aveva sollecitato le varie segreterie provinciali a fornire le indicazioni sui candidati da inserire nelle liste).
Il federale ha stabilito anche l'incompatibilità della fondazione costituita da Tosi, Il Faro, con la Lega ed ha concesso allo stesso sindaco di Verona e agli altri militanti aderenti, sette giorni per scegliere o l'una o l'altra. Muraro ricorda come il Faro sia stato creato su indicazione dell'allora segretario federale Roberto Maroni per allargare la base in vista di possibili primarie nazionali del centrodestra. Quanto alla sua posizione personale, il numero uno dell'amministrazione provinciale, ricorda di non essere iscritto alla fondazione e di essere nella Lega da oltre vent'anni "sempre nel pieno rispetto delle strutture statutarie e regolamentari, con una grande vocazione verso il federalismo e l'autonomia". Muraro, però, riconosce che un'eventuale addio di Tosi, o addirittura, un'espulsione potrebbe portarlo a riflettere inevitabilmente anche sul proprio futuro.