Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'ex dipendente della Asco Tlc era accusato di aver tentato di uccidere l'ex moglie

CADE LA PREMEDITAZIONE: RIDOTTA LA PENA A STEFANO RIZZO

Il 55enne passa da 12 anni e 2 mesi a 11 anni, 1 mese e 20 giorni


CONEGLIANO – (gp) Non è stato un delitto premeditato. Quello di Stefano Rizzo, il 55enne impiegato commerciale della Asco Tlc che ha tentato di uccidere l'ex moglie Gianangela Gigliotti, dipendente amministrativa dell'Ulss 7, rendendola invalida al 90% e non autosufficiente, è stato un raptus. Lo ha stabilito la Corte d'Appello di Venezia che accolto parzialmente le richieste della difesa dell'uomo, rappresentata dagli avvocati Barbara Cotrufo e Annamaria Giovannetti, riducendo la condanna a 12 anni e 2 mesi inflitta in primo grado a 11 anni, 1 mese e 20 giorni di reclusione. Invariato invece l'importo della provvisionale da 350 mila euro da versare all'ex moglie, che si era costituita parte civile con l'avvocato Mara Zanotto. Rizzo è stato inoltre assolto dall'accusa di appropriazione indebita della Fiat Panda bianca aziendale, che aveva in dotazione, utilizzata per recarsi a casa dell'ex moglie e poi, nella fuga, gettata nella foce del Piave a Cortellazzo per simulare un suicidio. Un verdetto che soddisfa entrambe le parti in causa. Gli avvocati Cotrufo e Giovannetti puntavano molto sul fatto che la premeditazione non fosse riconosciuta, presentando anche gli stessi quesiti posti nel corso del processo di primo grado: la riqualificazione del reato in lesioni gravissime e il riconoscimento del vizio parziale di mente. L'avvocato Zanotto, pur chiedendo come il procuratore generale la conferma della condanna del primo grado, sapeva che l'aggravante della premeditazione poteva non essere riconosciuta perché difficilmente dimostrabile e la giurisprudenza in merito è molto rigida. Ma lo sconto di pena di un solo anno, secondo il legale, dimostra che il delitto è stato valutato per la sua estrema gravità.