Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

AUDIO Buste paga, cud e modelli Unilav creati per ingannare l'ufficio immigrazione

PERMESSI DI SOGGIORNO CON TRUFFA: CENTO DENUNCIATI

Indagati due consulenti del lavoro, cinque imprenditori e 91 stranieri


TREVISO - Producevano documenti falsi come cud, buste paga, modelli Unilav che venivano presentati dagli stranieri alla Questura di Treviso: gli immigrati potevano, sebbene fossero disoccupati, dimostrare di avere un regolare lavoro e ottenere così il rinnovo del permesso di soggiorno. Ad essere scoperti e denunciati nell'ambito di una vasta indagine della squadra mobile e dell'ufficio immigrazione della polizia due consulenti del lavoro di Treviso e Venezia, rispettivamente di 67 e 42 anni, cinque imprenditori, tra cui due cittadini kossovari, e 91 stranieri. Tutti devono rispondere a vario titolo di produzione di materiale mendace al fine di ottenere la regolarizzazione. L'indagine è partita nella primavera del 2014 ed ha già portato di fronte al giudice l'amministratore di una cooperativa di Montebelluna, un coneglianese di 35 anni. L'uomo ha patteggiato un anno e sei mesi ed una multa di circa 100mila euro: nell'arco di alcuni mesi aveva assunto, in modo fittizio, 53 stranieri in vari uffici immigrazione del Veneto e non solo. La cooperativa ovviamente esisteva solo sulla carta e non aveva una sede vera e propria. A pagare ovviamente erano solo e sempre gli immigrati che per ogni pratica di regolarizzazione arrivavano a versare fino a 1000 euro.