Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il vice presidente del Calcio Treviso interviene dopo i fatti di Nervesa

PAOLO PINI: "ULTRAS, AIUTATECI TIFANDO PIÙ CORRETTAMENTE"

"Certi episodi sono solamente un danno per tutti"


TREVISO - La bella e spettacolare partita fra Nervesa e Treviso, finita 3-3, passa quasi in secondo piano dopo che gli ultras del Treviso hanno causato per due volte l'interruzione della gara, a causa del lancio di oggetti nella zona dove si trovava il primo assistente dell'arbitro. In attesa di sapere cosa deciderà il giudice sportivo, registriamo l'intervento di Paolo Pini, vicepresidente della società biancoceleste, che a Nervesa ha tentato personalmente di placare gli animi più focosi. "Ho detto loro, specie la seconda volta quando eravamo in vantaggio: ragazzi, cerchiamo di non andare incontro a spiacevoli situazioni come in passato, all’ingresso ho visto agenti della Digos ed anche una telecamera: se i responsabili sono stati beccati sono cavoli loro, tirare anche solo una lattina è gesto da condannare, ovvio, ma ciò che mi preme dire di più è che in questo momento così delicato della stagione, in cui stiamo cercando di rialzarci, certi episodi non ci aiutano, anzi ci complicano di più il percorso verso i playoff. Il Treviso ha bisogno del sostegno vero del suo pubblico, non di queste cose, e mi dispiace dirlo: guarda caso, nel finale il segnalinee ha dato la rimessa al Nervesa invece che a noi. Per carità, il tifo va bene e li ringrazierei uno ad uno per l‘impegno che ci mettono a seguirci in trasferta, ma certi atteggiamenti sono completamente sbagliati e dannosi, dai quali chiaramente ci dissociamo nel modo più assoluto, anche perché non vorrei che a qualcuno venisse in mente di proibire loro le trasferte."