Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tre degli imputati hanno scelto riti alternativi, ottenendo lo sconto di pena

GIRO DI SQUILLO AL LUCKY: IN CINQUE ANDRANNO A PROCESSO

Rinviati a giudizio invece i titolari del night club di Parè di Conegliano


CONEGLIANO – (gp) Cinque rinvii a giudizio e tre posizioni che usufruiranno dello sconto di pena in virtù del rito abbreviato. Questo l'esito dell'udienza preliminare per il giro di squillo e cocaina all'interno del Lucky di Parè di Conegliano.

A marzo del prossimo anno dovranno presentarsi di fronte al giudice Emanuele Gavasso, il 42enne di Mareno di Piave gestore del locale, Carmelo Verduci, 38enne calabrese considerato dagli inquirenti il boss, il fratello Vincenzo di 33 anni, Fortunato Manganaro, 23 anni, anche lui calabrese e cugino dei fratelli Verduci nonchè cassiere del night (tra l'altro assolto dall'accusa di detenzione di sostanze stupefacenti), e Ivano Faraon.

Verranno invece giudicati a giugno con rito abbreviato Carlo Verduci, 25 anni, e Vito Marigo, 55enne di Galzignano Terme che avrebbe ricoperto il ruolo di procacciatore delle ballerine. Patteggerà invece la pena, sempre a giugno, Andrea Trentin, considerato il dagli inquirenti il “galoppino” dei fratelli Verduci.

Stando alle indagini del pm Massimo De Bortoli, titolare dell'inchiesta sul presunto giro di squillo, all'interno del “Lucky” ci sarebbero state decine di ragazze dell'est Europa e del Sudamerica che si sarebbero sistematicamente appartate con i clienti, i quali sarebbero arrivati a pagare anche dai 200 ai 500 euro per avere un rapporto sessuale con loro. A scoprire il presunto giro di prostituzione erano stati i carabinieri di Conegliano al termine di un'indagine iniziata nel marzo 2013 quando un coneglianese e gruppo di kossovari vennero malmenati all'interno del locale per aver cercato, sempre secondo l'accusa, di entrare nel giro delle prostitute.